Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Tensione con il Tesoriere, nessuna anticipazione di cassa

Pagamento degli stipendi a rischio al Comune di Caserta

Bocche cucite nel frattempo, ma il contenzioso va avanti

.

Pagamento degli stipendi a rischio al Comune di Caserta
25/02/2014, 16:50

CASERTA – Di ufficiale non vi è ancora nulla, ma essendo le casse vuote è possibile che i dipendenti del Comune di Caserta saranno costretti a stringere la cinghia per qualche giorno, prima di poter ricevere lo stipendio. D’altronde, non è un mistero che la situazione economico-finanziaria dell’Ente sia tutt’altro che florida, così come sono noti a tutti i contrasti con l’attuale tesoriere, ovvero la Banca Popolare di Torre del Greco. E proprio i contrasti tra Comune e Tesoreria potrebbero far slittare i pagamenti di giorno 27 a data da destinarsi, giacché non vi sarebbe alcun anticipazione di cassa. A questo punto, legittimamente, viene da chiedersi: ma perché si è arrivati fino a questo punto? Perché rivivere una situazione, quella del mancato pagamento degli stipendi ai dipendenti, verificatasi all’indomani della vittoria elettorale dell’attuale sindaco Del Gaudio ed alla vigilia della dichiarazione di dissesto economico al Comune? Le bocche, manco a dirlo, sono cucite ma qualche spiffero proveniente dall’ufficio Ragioneria parla dell’ennesimo braccio di ferro con il Tesoriere, a corollario di un contenzioso, anche di natura giudiziaria, che va avanti da fin troppo tempo. Di fronte alla nuova richiesta di anticipazione arrivata da Palazzo Castropignano i vertici dell’istituto di credito pare abbiano risposto picche, non si sa bene, però, sulla scorta di quali motivazioni normative e tecniche. Morale della favola: non sono a rischio solo gli stipendi dei dipendenti, ma anche il pagamento di altri mandati già pronti. E’ un braccio di ferro, come si diceva, che va avanti da troppo tempo, ed è assurdo che Comune e Tesoreria dialoghino solo attraverso la carta bollata. L’amministrazione sarebbe intenzionata a liquidare il rapporto con l’attuale Tesoriere e rivolgersi al mercato per cercarne un altro. Ma anche questo è diventato nel frattempo oggetto di contenzioso.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©