Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Palmieri (Npsi): "Centraline Arpac Ko, si gioca al buio"


Palmieri (Npsi): 'Centraline Arpac Ko, si gioca al buio'
09/07/2010, 15:07


NAPOLI - “Scaduto il contratto con l’azienda esterna che monitorava la qualità dell’aria a Napoli, dall’11 giugno le centraline Arpac gestite ‘in house’ sono finite, una alla volta ko e nessuno se l’è sentita di darne compiuta notizia. Lo faccio io constatando, ad esempio, come sulle 9 centraline che avrebbero dovuto rilevare la concentrazione di PM10 nell’aria, e parliamo delle micidiali polveri sottili, ne funzionino solo 2. Non funziona, invece nessuno degli impianti per la rilevazione della PM2 (polveri sottilissime) e dei BTX (benzene, toluene, xlene composti organici volatili dannosi).

Così il consigliere comunale del Nuovo Psi del Consiglio Comunale di Napoli, Domenico Palmieri, che aggiunge:

“Delle 7 centraline di rilevazione di CO (monossido) ne funzionano giusto 4, mentre delle 9 deputate a registrare le concentrazioni di O3 (Ozono) ne funzionano solo 4. Infine funzionano solo 5 dei nove impianti di rilevazione di NO2. Sottolineo che si tratta di impianti in molti casi , e a detta della stessa Arpac, obsoleti e dunque tutt’altro che affidabili. Inoltre, come se non bastasse, sembrerebbe che persino questa mattina qualche altro impianto sia ‘saltato’”.

“Visto l’assoluto silenzio nel quale si sta consumando questa vicenda e poiché il decreto ministeriale 60/02 stabilisce nei fatti che l’Arpac sia tenuta ad assicurare una percentuale di dati validi non inferiore all’80% - 90% per permettere al Comune di prendere eventuali misure urgenti, - conclude l’esponente del Nuovo Psi – chiederò al Sindaco, già nelle prossime ore, chiarimenti sull’attuale stato della situazione e, perché no, quali iniziative intende adottare, al di l dei soliti divieti di circolazione generalizzati, rispetto ad una condizione di grande incertezza e rischio. In una città, aggiungerei, seconda a nessun’altra in fatto di sforamento delle soglie limite ed in una stagione notoriamente ad altro rischio”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©