Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Palmieri (Npsi): "Comune, ricorso a seconda convocazione è segnale di collasso politico"


Palmieri (Npsi): 'Comune, ricorso a seconda convocazione è segnale di collasso politico'
28/09/2010, 19:09


NAPOLI - “Nella storia del Comune di Napoli, l’unico e solo precedente relativo all’applicazione della norma regolamentare della seconda convocazione riguarda, neanche a farlo apposta, un’amministrazione di sinistra: era il 29 novembre del ’82, sindaco Maurizio Valenzi. Oggi, dunque, con un centrosinistra che vuole approvarsi grazie ad una ‘non maggioranza’ i provvedimenti sui quali è in evidente stato di affanno, quasi a dimostrare che il lupo perde pelo ma non il vizio, ci risiamo”. Così il capogruppo del Nuovo Psi del Consiglio comunale di Napoli Domenico Palmieri che aggiunge: “Nei fatti, l’aver respinto l’appello al dialogo e la proposta di poter discutere quei provvedimenti da approvare con urgenza nell’interesse della città senza il reiterato ricorso alla verifica del numero legale purché in presenza, almeno a inizio seduta, di una maggioranza vera, dà l’esatta misura dello stato di collasso politico in cui versa la maggioranza di centrosinistra”. “Atteso che, a questo punto, la diserzione dall’aula diventa un dovere morale per chi dà ancora valore ai principi della democrazia, - aggiunge l’esponente del Nuovo Psi - mi chiedo quale dignità politica e istituzionale possano avere dei provvedimenti approvati da una dozzina di consiglieri su 60”. “Appare invece evidente - conclude Palmieri - che un regolamento che prevede la possibilità di forzare ingiustificatamente il principio di rappresentatività, deve essere immediatamente cambiato”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©