Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Richiesto l'intervento dell'ASL

Parco Vanvitelliano: a pochi metri zanzare e rane


Parco Vanvitelliano: a pochi metri zanzare e rane
01/09/2010, 10:09

BACOLI – Nei pressi della Casina Vanvitelliana esiste un manufatto abusivo in cemento armato. All’interno di questo vi è uno stagno, o meglio un acquitrino maleodorante con tanto di rane e zanzare. La denuncia è partita dalla redazione-associazione Free Bacoli, che ha ottenuto nella giornata di ieri la possibilità di effettuare un sopralluogo con il vice-sindaco  Michele Massa e l'assessore all'Ambiente Giuseppe Scotto di Vetta.
La costruzione, dopo i sigilli, è rimasta incompleta e abbandonata.
"Ho contattato personalmente il comandante dei vigili urbani, Marialba Leone - ha asserito Scotto di Vetta dal municipio di via Lungolago - e nei prossimi giorni verrà fatto un sopralluogo della zona alla presenza anche di referenti dell'Asl Napoli 2. La criticità è palese e perciò vi sarà bisogno di interventi rapidi e, soprattutto, risolutivi. Si prospetta una bonifica della struttura che deve essere fatta dal proprietario dell'immobile".
Sulla questione si è espresso anche il sindaco Ermanno Schiano che, di concerto col vice-sindaco Massa, ha affermato: "In seguito al sopralluogo e dopo aver letto il verbale indicante lo stato dei luoghi - continuano Massa e Schiano - l'amministrazione comunale imporrà al proprietario del manufatto di riportare la situazione alla normalità poiché non è di certo possibile continuare a convivere a pochi passi da quest'area poco salubre. Se ciò non dovesse avvenire, il Comune stesso, a spese del proprietario sopracitato, effettuerà i lavori di pulizia e di bonifica".
Ma c’è di più: lo scheletro del palazzo dovrebbe essere abbattuto, secondo un’istanza emessa da diversi anni, oggetto di svariati ricorsi presentati dal proprietario dell’immobile.
Il fabbricato non si fa mancare nulla: un canneto, delle rane, zanzare e tanfo. Ora si prospetta un intervento sostanziale da parte del comune e dell’ASL: cambierà realmente qualcosa?

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©