Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Domani e domenica si scende in strada contro il degrado

Parte la petizione per Licola Mare


Parte la petizione per Licola Mare
24/09/2010, 17:09

LICOLA (NA) -  Licola è conosciuta da tutti come una realtà periferica, simbolo con Monterusciello e Rione Toiano della migrazione dei puteolani in seguito alle crisi bradisismiche. A partire dalle 9 di domani mattina e nuovamente nella giornata di domenica si terrà una raccolta firme volta a frenare il dilagante fenomeno dello sversamento illegale della spazzatura e di materiale speciale ed ingombrante lungo le strade della città.
Su tutto il territorio cittadino abbiamo riscontrato episodi di degrado ambientale come l'abbandono incontrollato di rifiuti. Un caso grave è quello di Licola Mare dove si trova una vera e propria discarica a cielo aperto. Per questo i Popolari per il Sud, sostenuti dalla popolazione tutta, si impegnano con una raccolta firme che avverrà all'inizio di via Licola Mare per denunciare il disastro ambientale alle autorità competenti” hanno dichiarato gli organizzatori, che hanno lanciato un grido d’allarme all’intera cittadinanza.
Si invitano – proseguono- pertanto i cittadini a partecipare numerosi, perché l' obiettivo primario è il raggiungimento di un buon livello di qualità della vita umana ,attraverso la salvaguardia ed il miglioramento delle condizioni dell'ambiente in conformità anche ai principi e ai criteri dettati dalla normativa in materia ambientale D.Lgs 152/06”.
E’ stabile e solida, dunque, al primo posto Licola, sia per i rifiuti che per il ciclo illegale del cemento, a riprova che il mattone selvaggio e l’immondizia rappresentano un duo perfetto negli interessi della criminalità organizzata.
L’appello dell’iniziativa, messa in calendario per il fine settimana flegreo, termina con una frase: “Ricordiamoci che anche Licola Mare è Pozzuoli”.
Parole che vogliono dunque accendere i riflettori su una cittadina da tempo ormai dimenticata

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©