Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Patto terra fuochi: c'è l'inclusione di Marcianise

De Angelis: "Improponibile nostro territorio fuori progetto"

Patto terra fuochi: c'è l'inclusione di Marcianise
10/07/2013, 16:57

MARCIANISE - Come è giusto che fosse, anche il Comune di Marcianise è stato inserito nel protocollo d’intesa “Patto dei Fuochi”, finalizzato a contrastare il deplorevole fenomeno dell’inquinamento ambientale, causato dallo sversamento abusivo dei rifiuti e dal conseguente incendio degli stessi. Soddisfatto, il sindaco Antonio De Angelis: “Il nostro territorio non poteva più aspettare”.

 

Del resto, lo aveva già affermato durante la campagna elettorale. A suo avviso, l’esclusione temporanea di Marcianise dalla convenzione era stato verosimilmente un errore procedurale dei promotori, a cui bisognava però tempestivamente porre rimedio. Perciò appena insediatosi, il primo cittadino aveva richiesto agli organi competenti l’inserimento del Comune nell’elenco dei partecipanti.

 

A seguito della ricezione della relativa comunicazione dalla Prefettura di Napoli, con la quale si confermava l’accettazione , la  giunta, riunitasi nella giornata del 10 luglio,  ha deliberato l’ adesione dell’Ente al “Patto della Terra dei Fuochi”.

 

La ratifica era propedeutica alla formalizzazione dell’accordo che avverrà, nella giornata di giovedì 11 luglio, in un incontro promosso, presso l’Auditorium della Regione, dal Prefetto Cafagna, incaricato del Ministero dell’Interno per fronteggiare il fenomeno dei roghi di rifiuti in Campania.  Grazie a tale inclusione, il Comune, oltre a numerose altre opportunità, potrà accedere ad una parte del finanziamento complessivo di 5 milioni di euro, per l’acquisizione di infrastrutture e di tecnologie avanzate da assegnare agli operatori, impegnati nelle specifiche attività di videosorveglianza ed anti- incendio.

 

“Le nostre terre- spiega il sindaco De Angelis-  per le condizioni in cui versano, vivono in uno stato di continua emergenza, che deve essere necessariamente e tempestivamente risolta. Era improponibile che l’Ente marcianisano restasse fuori da un progetto così importante,  certamente per le risorse economiche derivanti e spendibili per sostenere una politica ambientale, che coniughi sapientemente misure di prevenzione ed efficaci azioni di controllo; ma anche per la proficua collaborazione che andrà ad instaurarsi tra i vari Comuni e le istituzioni governative e sanitarie preposte” .

 

Come noto, oltre all’erogazione di un fondo economico, gli aderenti al “Patto dei Fuochi” saranno supportati da una serie di interventi, consistenti in: adozione di linee guida dettate dall’Arpa in materia di rimozione dei rifiuti abbandonati e per la prevenzione di roghi tossici; attivazione sul sito internet della Prefettura di Napoli di “Prometeo”, il portale sui roghi tossici e sulle attività di prevenzione, contrasto e dissuasione, che ospiterà una sezione per il contatto diretto con i cittadini; avvio di corsi di formazione sul tema per la polizia municipale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©