Provincia / Caserta

Commenta Stampa

La minoranza insorge e chiede lumi a sindaco e presidente

Piedimonte Matese, operatore Julie allontanato dal Consiglio

Esempio di democrazia negata, niente riprese dell'assise

.

Piedimonte Matese, operatore Julie allontanato dal Consiglio
12/04/2013, 12:54

PIEDIMONTE MATESE - Niente riprese dei lavori del consiglio comunale, operatore del nostro circuito televisivo allontanato dalla sala consiliare. Accade a Piedimonte Matese. Ma procediamo con ordine. Sindaco e presidente del consiglio comunale vietano le riprese in aula. A farne le spese, nel corso della seduta svoltasi mercoledì sera, è stato Toni De Angelis, operatore della Julie Italia, molto conosciuto nel territorio dell’Alto Casertano. Il cameraman è stato fatto allontanare  poco dopo l’avvio dei lavori dell’assise cittadina, prima ancora che si procedesse con l’appello dei consiglieri presenti. E’ toccato ad un vigile urbano, presente in sala per l’ordinario servizio d’ordine, comunicare al nostro operatore che doveva cessare immediatamente le riprese. La circostanza della ripresa dei lavori del consiglio è stata anche segnalata dal consigliere di minoranza, Ranieri Vitagliano, che, all’indomani della sua elezione, ha anche presentato un ordine del giorno, con il quale si proponeva di consentire le riprese delle sedute assembleari, “per ragioni di maggiore trasparenza ed accesso popolare tramite il canale web”. La proposta di Vitagliano è, però, caduta nel vuoto, giacché gli è stato fatto notare che si doveva procedere con una modifica del regolamento di funzionamento dei lavori del consiglio, in virtù della quale sarebbe stato necessario costituire un’apposita commissione prima di agire in tal senso. Commissione che non è stata mai nemmeno convocata, con buona pace del presidente dell’assise Benny Iannitti che è intervenuto in aula, su sollecitazione dello stesso Vitagliano, per “notiziare sull’impossibilità delle riprese ai vigili urbani”.  

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©