Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Sequestrata la documentazione negli uffici del Comune

Piedimonte Matese, polizia indaga sui “gazebo” in centro

Controllati cinque bar su disposizione del pm Guarriello

.

Piedimonte Matese, polizia indaga sui “gazebo” in centro
11/09/2013, 12:49

PIEDIMONTE MATESE - Un accertamento di natura amministrativa che, qualora avvalori l’ipotesi di reato formulata dal sostituto procuratore della Repubblica, Silvio Marco Guarriello, potrebbe avere dei risvolti anche sul piano squisitamente penale. Si tratta dei “dehors” - o più semplicemente gazebo - di Piazza Roma, installati dai titolari di cinque esercizi commerciali per far accomodare all’esterno la propria clientela. E, più precisamente, in queste ore a finire sotto la lente d’ingrandimento sono stati i bar: “Rubino”, “Green Garden”, “La Dolce Voglia”, “Avangarde” e “Piazza Roma”. Gli agenti hanno effettuato una serie di rilievi fotografici in tutta la piazza del centro dell’Alto Casertano e, subito dopo, si sono recati presso la sede legale di un titolare di uno degli esercizi commerciali. Una volta terminati i rilievi fotografici e preso visione della documentazione mostrata dai titolari dei bar controllati, c’è stato il passaggio al Comune, presso gli uffici dell’Annona e delle Attività Produttive, per capire quanti metri erano autorizzati ad occupare i titolari dei predetti esercizi commerciali e quanto in effetti essi pagano per l’occupazione del suolo pubblico. Obiettivo delle acquisizioni documentali, effettuate su disposizione del pm Guarriello, verificare che non si ravvisino illegalità e reati penali in merito al rilascio di autorizzazioni per l’occupazione di suolo pubblico. Nei prossimi giorni, in ogni caso, si sapranno gli sviluppi di questa ulteriore vicenda matesina.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©