Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Consoli interroga l’assessore Vetrella: “Basta con i rinvii”

Pinetamare, il giallo del porto: question time in Regione -video

Lavori ancora al palo, indice contro Arpac e Mirabella spa

.

Pinetamare, il giallo del porto: question time in Regione -video
05/12/2013, 15:38

CASTEL VOLTURNO - “Quale futuro per la darsena di San Bartolomeo e, soprattutto, per il porto di Castel Volturno?”. A porre l’interrogativo, durante i lavori del question time del consiglio regionale di oggi, è stato il vice presidente della Commissione Attività Produttive, Angelo Consoli, al quale ha replicato l’assessore con delega ai Trasporti Sergio Vetrella. Consoli, nel suo intervento, ha ricostruito il tortuoso iter amministrativo che ha portato all’aggiudicazione, prima in via provvisoria e poi in via definitiva, da parte della Mirabella spa (gruppo Coppola, ndr), dei lavori di progettazione e di realizzazione di 1.200 posti barca nello specchio d’acqua di Pinetamare e, contestualmente, alla messa in sicurezza e alla  riqualificazione della darsena di San Bartolemeo. Dal 2008, però, ad oggi, il cantiere è praticamente fermo e, nonostante la firma della convenzione tra Regione e Mirabella spa, non ci sono notizie certe sull’avvio dei lavori. “Basta con continui e ingiustificati rinvii, le responsabilità sono a tutti evidenti” ha tuonato l’onorevole Consoli, che ha chiesto, contestualmente, all’assessore Vetrella di verificare se non vi siano i presupposti affinché venga revocata la convenzione e si attivino le procedure necessarie perché la Mirabella spa paghi i relativi danni per la paralisi economico-produttiva che sta interessando gli operatori del settore. “E’ un opera necessaria per rilanciare il litorale casertano, a maggior ragione se si considera che da Salerno a Gaeta non vi è traccia di un approdo del genere”. Dal canto suo, l’assessore Vetrella, nel condividere pienamente le preoccupazioni dell’onorevole Consoli, si è soffermato, anzitutto, sui tempi biblici che hanno portato l’Arpac ad effettuare i relativi carotaggi ed i prelievi per la caratterizzazione dei sedimenti. “Ciò premesso, - ha concluso Vetrella – non escludo che, perdurando la fase di stallo, nei confronti della concessionaria, ovvero la Mirabella spa, la Regione possa procedere con la revoca della convenzione e l’affidamento del project financing ad un’altra Ati (associazione temporanea d’impresa e/o di scopo. ndr)”.   

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©