Provincia / Frattamaggiore

Commenta Stampa

Il sindaco di Frattamaggiore parla del rilancio della città

Pip, Peep e Voltacarrozza: l'epopea delle grandi opere


Pip, Peep e Voltacarrozza: l'epopea delle grandi opere
18/11/2009, 09:11

FRATTAMAGGIORE - Riqualificazione dell’aria di Voltacarrozza, aree Pip, “Città dei bambini”, rifiuti, opere pubbliche. Sono questi i temi in evidenza nell’agenda del sindaco di Frattamaggiore, Francesco Russo, in questi ultimi mesi di consiliatura.
Sindaco Russo, negli ultimi giorni si è infiammato il clima politico in città…
“Mi rendo conto che, in vista delle prossime elezioni comunali, c’è chi è alla disperata ricerca di pubblicità, però credo che sia doveroso anteporre alle esigenze della campagna elettorale gli interessi dei frattesi e, per farlo, l’opposizione dovrebbe avere il buon senso di sfruttare questi ultimi mesi di consiliatura, collaborando con la maggioranza per portare a termine, magari migliorandoli, i tanti progetti ancora in corso. E’ il caso di Voltacarrozza. Abbiamo intenzione di risolvere, una volta per tutte, i problemi di quell’area come dimostra anche l’istituzione di una delega ad hoc. E invece l’opposizione strumentalizza dimenticando i sacrosanti diritti di quelle persone e che aspettano l’apertura dei cantieri per la realizzazione delle opere che miglioreranno la loro qualità della vita”.
Effettivamente, in città ci sono tanti cantieri…
“Sì. Molti saranno chiusi nel giro di qualche settimana perché i lavori sono ormai conclusi. Penso al parcheggio di via don Minzoni, alle nuove strade che collegheranno parti importanti della città, riducendo il traffico, soprattutto nella zona di via Padre Mario Vergara, alla villetta comunale di corso Vittorio Emanuele, al centro servizi dell’area Pip. Sono tante le opere pubbliche che abbiamo realizzato in questi cinque anni, anche se quelle di cui vado più fiero sono le nuove sedi del Commissariato di polizia e della Caserma dei Carabinieri, due strutture che hanno aumentato la sicurezza in città”.
Lei ha parlato anche di area Pip. Ma a che punto siamo? C’è chi dice che Pip e Peep siano destinati a restare solo delle sigle…
“Chi lo dice non conosce la realtà dei fatti. Per le aree Pip, stiamo assegnando gli ultimi lotti e completando i lavori per il centro servizi. Tutto procede secondo i programmi e riusciremo a portare sul territorio tante aziende che creeranno posti di lavoro. Così come creeremo posti di lavoro anche con i piani di edilizia economica e popolare. Anche in questo caso, siamo riusciti a superare tutti gli ostacoli burocratici dando vita a un progetto che era rimasto sulla carta da più di venti anni. E grazie ai peep creeremo posti di lavoro e daremo a tanti frattesi la possibilità di acquistare una casa a prezzi ragionevoli”.
Un altro progetto di cui si parla spesso è quello della “Città dei bambini”.
“Un progetto importante sul quale l’Amministrazione punta moltissimo. Nei giorni scorsi ho avuto un incontro in Regione, con il Presidente Bassolino, che si è detto entusiasta dell’iniziativa. A breve la Commissione deciderà quale sarà il progetto vincitore del bando internazionale a cui hanno partecipato professionisti e studi provenienti da tutto il mondo. Un segnale evidente dell’importanza del progetto della Città dei bambini che ci permetterà di creare uno spazio per i più piccoli, ma anche di creare occupazione”.
Qual è stato il momento più brutto in questi cinque anni di consiliatura?
“Certamente il periodo dell’emergenza rifiuti, quando decisi di chiudere le scuole per evitare problemi sanitari. Al di là delle reazioni che quel gesto provocò, fu utile per diffondere la cultura della raccolta differenziata. Anzi, voglio anticiparle che, nelle prossime ore, avremo i primi report sulla collaborazione dei frattesi nella differenziazione dei rifiuti. E grazie ai dati raccolti potremo premiare i più bravi con buoni spesa che distribuiremo nelle prossime settimane. Un segnale concreto che l’Amministrazione vuole dare a quanti collaborano per tenere la città pulita e la tarsu bassa. Ricordo, infatti, che in base al decreto legge del Governo Berlusconi siamo stati costretti ad aumentare la tarsu perché possiamo coprire i costi per la gestione dei rifiuti solo ed esclusivamente con i proventi della tarsu. Ora, però, grazie al sistema di premialità voluto dall’Amministrazione, potremmo premiare coloro che hanno contribuito maggiormente a trasformare Frattamaggiore da esempio negativo a esempio positivo in tutta la provincia di Napoli”.
E qual è stato invece il momento più bello?
“Tanti sono i momenti belli, soprattutto quelli in cui ho potuto condividerli con i miei concittadini, ma ricordo con particolare soddisfazione i tanti incontri nelle scuole per diffondere la cultura della legalità, grazie alla partecipazione di esponenti di spicco della cultura, del giornalismo e della società civile, tra cui Sandro Ruotolo, Marco Travaglio, don Ciotti, Rosaria Capacchione”.
E ora? A che punto sono i lavori per le prossime comunali?
“Il Pd ha già espresso il suo apprezzamento per il lavoro svolto in questi cinque anni. E credo che a sostenere la mia candidatura, per continuare il lavoro avviato, ci saranno anche Udc e Italia dei valori, al di là di qualche incomprensione. Insieme a questi tre partiti, inoltre, ci sono tanti amici dei partiti della Sinistra radicale e della società civile che hanno intenzione di sostenermi. Di certo, nelle prossime settimane metteremo a punto il programma che, per me e per quanti mi sosterranno, non è carta straccia. Il lavoro di questi anni lo dimostra. Chiunque può andare a rileggersi quel che avevo promesso nel 2005. Abbiamo rispettato tutti gli impegni”.





Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©