Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Fiamme a Casertavecchia, sul Monte Massico ed a Sparanise

Piromani scatenati, decine di interventi dei vigili del fuoco

Nel mirino anche campo rom di Casagiove, diverse le ipotesi

.

Piromani scatenati, decine di interventi dei vigili del fuoco
02/08/2013, 11:30

CASERTA - Ancora incendi in provincia di Caserta: una quindicina quelli che, complessivamente, si sono sviluppati nella sola giornata di ieri. Al lavoro squadre dei vigili del fuoco e volontari della protezione civile: nel mirino dei piromani non solo sterpaglie situate lungo il ciglio della strada oppure sulle colline, vedi ad esempio quella di Casertavecchia, ma anche strutture come il campo rom di Casagiove o il mercato ortofrutticolo di San Tammaro. Ma procediamo con ordine. Per la terza volta, nel giro di poche settimane, sono stati appiccati incendi, di origine dolosa, in diversi punti del Monte Massico, tra Sessa Aurunca e Cellole. La strada impervia ha impedito ai volontari della protezione civile di raggiungere prontamente l’epicentro dell’incendio; per lo stesso motivo non sono riusciti a raggiungerlo neanche i mezzi aerei. Dati alle fiamme anche i rifiuti nella zona del Triglione e le erbacce situate lungo l’asse mediano, all’altezza dello svincolo di Marcianise. In località Coccagna, a Casagiove, invece, le fiamme sono divampate tra le roulette del campo nomadi nel cuore della notte, proprio mentre gli occupanti dormivano. E solo grazie al tempestivo intervento dei vigili del fuoco e dei carabinieri è stato possibile evitare danni a cose e persone. Diverse le ipotesi al vaglio degli inquirenti, anche in considerazione del fatto che il campo è stato a lungo oggetto di contestazioni da parte dei residenti, che mal digerivano la “convivenza” con i rom. Non si esclude la pista di una faida interna ai rom, così come si indaga su una possibile causa accidentale. E ancora: danni ingenti al mercato ortofrutticolo di San Tammaro situato sull’Appia dove un incendio è divampato nell’ala sud del piazzale. Nel giro di pochi minuti sul luogo si sono portati i vigili del fuoco che, da una prima ricognizione, non hanno escluso la pista dolosa. Infine, ancora un incendio, sempre doloso, in tre diversi punti delle colline che sovrastano la città di Sparanise; ci sono volute diverse ore prima che i mezzi antincendio riuscissero ad avere la meglio sulle fiamme.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©

Correlati