Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Operazioni della Polizia e dell’Arma su ordine della Dda

Pizzo per conto dei Casalesi, tre fermi nel Casertano

Vittime delle estorsioni imprenditori dell’agro aversano

.

Pizzo per conto dei Casalesi, tre fermi nel Casertano
17/01/2013, 15:03

CASAL DI PRINCIPE - Con l’accusa di aver preteso denaro come “contributo per i carcerati” è stato sottoposto a fermo Carmine Iaiunese, 34enne, ritenuto vicino al clan dei Casalesi e conosciuto alias ‘carciofino’ oppure come ‘o piccoletto’. Il decreto di fermo, emesso dalla Procura antimafia di Napoli, è stato eseguito dagli agenti della Squadra mobile di Caserta. Il reato contestato a Iaiunese è tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Il provvedimento costituisce l’esito di alcuni approfondimenti investigativi condotti in seguito all’arresto in flagranza di reato nei confronti del pregiudicato esponente dei Casalesi, fazione degli Schiavone. Il 21 dicembre scorso, infatti, a seguito dell’arresto di Eduardo Di Martino, fu scoperto che lo stesso Iaiunese era stato suo complice nella richiesta di tangenti nelle settimane precedenti alle festività natalizie. Ripetutamente avevano, secondo l’accusa, intimato a un commerciante dell’agro aversano di consegnare soldi, presentandosi esplicitamente come esponente del clan dei Casalesi. Iaiunese, nonostante abbia precedenti penali di poco conto, deve considerarsi pienamente inserito nell’organizzazione camorristica ed è inoltre legato da vincoli di parentela a Sigismondo Di Puorto, elemento di spicco della fazione degli Schiavone ed arrestato il 20 dicembre 2010 dopo un lungo periodo di latitanza. Nel corso di un’altra operazione, coordinata sempre dalla Dda ma eseguita stavolta dai carabinieri di Casal di Principe, Iaiunese è risultato destinatario di un’altra ordinanza di custodia cautelare in carcere perché indiziato di estorsione e tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Oltre a Iaiunese, sono stati femati anche Francesco Caterino, di 24 anni, e Raffaele Maiello, di 32 anni.  

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©