Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Promosso dal coordinamento femminile di Santa Maria C.V.

Poesia e narrativa, cala sipario su concorso nazionale Acli

Romano: “Edizione arricchita da sezione articolo di giornale

.

Poesia e narrativa, cala sipario su concorso nazionale Acli
07/06/2013, 11:24

SANTA MARIA CAPUA VETERE - Grande successo ha riscosso la cerimonia di premiazione del concorso nazionale di musica, poesia e narrativa indetto ed organizzato dal coordinamento femminile delle Acli di Santa Maria Capua Vetere, presieduto da Annamaria Puggioni. L’auditorium della “Fondazione Casa-Albergo Saraceni”, ancora una volta, si è trasformato in un salotto di cultura, facendo vivere al folto ed attento pubblico intensi momenti di emozioni. Dopo i saluti ed i ringraziamenti della presidente del sodalizio, è intervenuta Anna Maria Romano, presidente del comitato organizzativo e gran cerimoniere delle due serate che, con soddisfazione, ha sottolineato la crescente partecipazione al concorso, risultanza che induce a pensare che in una società dove regna la discordia, il malessere esistenziale ed un acceso protagonismo, la cultura resiste e guida l’umanità alla riscoperta dei veri e sani valori della vita. L’edizione di quest’anno del concorso, che spegne le sue prime trenta candeline, si è arricchita di una nuova sezione: quella dell’articolo di giornale. Entrando più nei dettagli, durante la prima giornata si sono esibiti i musicisti che hanno partecipato nelle sezioni: pianoforte, flauto, chitarra, clarinetto, tromba e percussioni. Nel corso della seconda, invece, è stata la volta di: poesia-narrativa, articolo di giornale, chitarra e clarinetto. Alla presenza della numero uno del sodalizio, Agnese Puggioni e della Presidente del Comitato Organizzativo Anna Maria Romano, composto anche da Maria Rita Marino, Assunta Marino, Teresa Romano, Patrizia Sena e Anna Morcone, diversi sono stati i riconoscimenti assegnati a quelle che sono state ritenute le migliori composizioni da parte dell’apposita giuria. Sia la Puggioni che la Romano hanno rimarcato “la finalità del concorso, riposta nella riscoperta dei valori della vita, attraverso lo slancio poetico, che accende la scintilla che fa rifulgere nel marasma culturale e morale. Una luce che rinnova nel cuore dell’uomo il messaggio di pace e solidarietà, profezia di un’aurora nuova”.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©