Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Cerimonia nei saloni della Casa Albergo “Saraceni”

Poesia e presepi, concorso delle Acli di S. Maria Capua Vetere

Premiati i migliori elaborati selezionati dalle giurie

.

Poesia e presepi, concorso delle Acli di S. Maria Capua Vetere
12/01/2013, 09:51

SANTA MARIA CAPUA VETERE - Un duplice appuntamento con l’arte e la cultura quello organizzato dal Coordinamento Femminile delle Acli di Santa Maria Capua Vetere: il concorso nazionale di poesia e narrativa da un lato e, dall’altro, la mostra-concorso dei presepi natalizi. Ad ospitare l’evento, alla presenza di una straordinaria cornice di pubblico, i saloni della casa albergo “Saraceni” di Santa Maria Capua Vetere. Alla presenza della “numero uno” del sodalizio, Agnese Puggioni, e del comitato organizzativo composto da Maria Rita Marino, Teresa Romano, Assunta Marino ed Anna Morcone e presieduto da Anna Maria Romano, sono stati assegnati riconoscimenti a quelle che sono stati ritenuti i lavori migliori da parte di due apposite commissione di esperti costituite dalle Acli. Per quanto concerne il concorso nazionale di poesia e narrativa, sia la Puggioni che la Romano hanno rimarcato “la finalità del concorso, riposta nella riscoperta dei valori della vita, attraverso lo slancio poetico, che accende la scintilla che fa rifulgere nel marasma culturale e morale. Una luce che rinnova nel cuore dell’uomo il messaggio di pace e solidarietà, profezia di un’aurora nuova”. Per quanto concerne, invece, il concorso dei presepi, “questa hanno ricordato la Puggioni e la Romano – è stata preceduta da una mostra ospitata, durante il periodo natalizio, nei saloni della chiesa degli Angeli Custodi in corso Garibaldi”. Massiccia la partecipazione ai due concorsi, soprattutto da parte degli studenti delle scuole elementari e medie. Per la categoria adulti, invece, diversi nomi noti del mondo artistico e culturale sammaritano. Novità dell’edizione di quest’anno l’inserimento nel regolamento di due sezioni - fotografia e scultura - che hanno avuto come filo conduttore “Il Natale nella mia città”. Un ringraziamento particolare è andato alla madre superiora della Casa albergo “Saraceni”, sempre disponibile ad accogliere e a promozionare eventi che possono dare lustro alla città di Santa Maria Capua Vetere, rilanciando la cultura in un momento di particolare crisi, soprattutto dei valori.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©