Provincia / Portici

Commenta Stampa

Portici, in manette usuraia in gonnella


Portici, in manette usuraia in gonnella
26/03/2010, 16:03


PORTICI - Questa mattina, gli agenti del Commissariato di P.S. “Portici – Ercolano“ hanno arrestato Raffaelina Briola, 65enne di Portici detta “Donna Raffaelina”, per usura. L’arresto della donna è stato l’epilogo di una scrupolosa attività d’indagine, portata avanti dagli uomini del Commissariato di Portici nel triste mondo del disagio economico di alcune famiglie in difficoltà. Il giro di usura creato dalla Briola aveva negli ultimi tempi acquisito come clienti preferiti le famiglie in difficoltà economica. Un disagio che aveva portato alcune persone a rivolgersi a lei in quanto oramai nemmeno in grado di poter fare la spesa giornaliera. La disperazione di queste famiglie non aveva fatto batter ciglio rispetto alla richiesta di interessi del 40%. Le somme di volta in volta prestate oscillavano dai 500 ai 2000 euro. Assunte le informazioni necessarie sulla donna e su dove e come svolgesse la sua attività di usuraia, i poliziotti non hanno avuto difficoltà nel sorprenderla all’atto del ritiro di una somma mensile consegnatale da una delle sue vittime. L’appartamento, situato in Via diaz, 120, è stato quindi sottoposto ad una scrupolosa perquisizione domiciliare. Il frutto dell’attività dei poliziotti è stato il rinvenimento di 3 agende nelle quali erano riportate numerose somme di denaro oscillanti tra i 500 e i 10.000 Euro con i nomi dei rispettivi debitori. Oltre alle agende, subito sequestrate, i poliziotti hanno rinvenuto la somma di 70.840 euro in banconote di vario taglio, nonché un libretto di risparmio riportante un deposito di 15.00 Euro ed infine libretti di assegni probabilmente provento dell’attività usuraia. Durante la perquisizione, la donna ha inoltre tentato di corrompere uno dei poliziotti proponendogli un accordo finalizzato alla non effettuazione del sequestro di tutto il denaro rinvenuto all’interno della cassaforte dell’appartamento. Il poliziotto, ligio al suo dovere, non solo ha rifiutato l’offerta, ma ha denunciato la donna per istigazione alla corruzione. Raffaelina Briola è stata quindi arrestata e subito condotta alla Casa Circondariale di Pozzuoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©