Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Da Facebook ai salotti politici

Pozzuoli Decide: libertà è partecipazione


Pozzuoli Decide: libertà è partecipazione
23/06/2010, 15:06

POZZUOLI (NA) - Da Facebook ai salotti politici. Ecco il percorso di Pozzuoli Decide, nato silentemente e andato crescendo sempre più, da un anno ad oggi. La scorsa settimana è comparso un manifesto intitolato "Per il BUON GOVERNO e la BUONA CITTADINANZA".
Una riflessione sull'attuale stato seguita dalla possibilità di ripresa, ipotizzata da Pozzuoli Decide. "La Città di Pozzuoli sta vivendo una penosa crisi politica, economica e morale. Il malessere sociale viene abilmente nascosto con promesse di riscatto fatte di grossolane speculazioni e piccoli favori.Prima che sia troppo tardi è ancora possibile pensare un futuro vero e stabile con decisioni che riaprano l’orizzonte. Le risposte ai problemi locali non possono venire da una politica avvitata su se stessa. I partiti che conosciamo sono esauriti.Una nuova e credibile proposta politica può venire solo da un MOVIMENTO POLITICO TERRITORIALE per il Buon Governo e il Cambiamento. Politicamente etico, moralmente inattaccabile, istituzionalmente moderno.Capace di coniugare la centralità dell’UOMO, le esigenze della COMUNITA', il rispetto del TERRITORIO. Fondato sui principi di DIGNITA’, INTEGRITA,’ LEALTA’, RESPONSABILITA’,nel rispetto della CARTA dei DIRITTI del CITTADINO.Contro ogni abuso, sperpero e privilegio. Legittimato dalla PARTECIPAZIONE. Impegnato a sostenereil MERITO, la QUALITA’, l’INNOVAZIONE. Sostenitore della libera espressione e della sinergia pubblico/privato.Contro ogni CONFORMISMO, FONDAMENTALISMO e OMOLOGAZIONE."
Questa dovrebbe essere secondo i componenti del nuovo movimento politico la linea da seguire per riportare la gestione comunale agli albori: proposte che nascano dal territorio, senza interferenze partitiche esterne. Forse tutto questo anche come risposta delle ultime vicende politiche che hanno visto più volte l'impegno del partito provinciale PDL intervenire per sanare le varie crisi amministrative, finendole di aggravare.
Una conferenza prevista per il 26 giugno, alle ore 10, permetterà di conoscere il movimento politico territoriale, presso il Tempio di Nettuno, in via Terracciano. Sulle pagine di "Pozzuoli Decide" si legge: "Accenderemo il fuoco della speranza! Ritroviamo la civiltà che ci hanno rubato e la libertà  di decidere il destino della nostra terra. Libertà è partecipazione".
Ancora pochi giorni per scoprire il neonato movimento, costituitosi prima come gruppo di un social network, poi come associazione, ed oggi come embrione politico. Cosa avrà in mente per il proprio futuro dopo le varie spinte propulsive venute dalla stessa società civile?

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©