Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Pozzuoli, inaugurazione del Tigem: il programma


Pozzuoli, inaugurazione del Tigem: il programma
04/12/2013, 10:46

POZZUOLI - Domani, giovedì 5 dicembre 2013, alle ore 11, presso l'Aula Magna dell'Accademia dell'Aeronautica di Pozzuoli, alla presenza del Presidente della RepubblicaGiorgio Napolitano, avrà luogo la cerimonia di presentazione della nuova sede dell'Istituto di Genetica e Medicina (Tigem) dedicato alla memoria della senatriceSusanna Agnelli (l'ingresso per giornalisti accreditati e invitati è consentito dalle 9.30 alle 10.15). Successivamente, alle ore 12, ci sarà il taglio del nastro e la visita dei locali dell'Istituto ubicato all'interno del complesso Olivetti. Per l'occasione il sindaco di Pozzuoli,Vincenzo Figliolia ha dichiarato:
“Con estrema soddisfazione e con grande orgoglio, a nome della città di Pozzuoli, diamo il benvenuto al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al presidente della Fondazione Telethon Luca Cordero di Montezemolo, al direttore del Centro Tigem professore Andrea Ballabio, al direttore generale Francesca Pasionelli e al gruppo dei ricercatori Telethon-Tigem nella loro nuova sede nell’ex complesso Olivetti di Pozzuoli. Dopo pochi mesi dal mio insediamento, nel 2012, ho incontrato il professore Ballabio. Ragionammo insieme sull’ipotesi di trasferire il Tigem a Pozzuoli e subito mi sono attivato per consentire il trasloco nella nostra città dei laboratori e delle attività di ricerca, in una sede più grande e che potesse consentire di aumentare il numero di ricercatori dagli attuali 180 ai futuri 230. Ringraziamo la Fondazione Telethon e il professore Ballabio per avere scelto Pozzuoli e scommesso sulla nuova vita del complesso industriale voluto da Adriano Olivetti e realizzato da Luigi Cosenza negli anni Cinquanta e che ha fatto la storia dell’industria italiana. Il Tigem è un centro di ricerca conosciuto in tutto il mondo. Per questo d’ora in poi, Pozzuoli diventa una delle capitali europee della ricerca di eccellenza in campo genetico, punto di riferimento per gli scienziati di tutto il mondo e speranza per quanti sono affetti da malattie genetiche rare”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©