Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Pozzuoli, l'appello di Prebenda al neo sindaco di Pozzuoli

Il messicano critica il mancato intervento in via Pergolesi

Pozzuoli, l'appello di Prebenda al neo sindaco di Pozzuoli
20/06/2011, 14:06

POZZUOLI (NA) - Dopo sette anni dal nubifragio del 15 settembre 2001, via Pergolesi, perno della viabilità puteolana, presenta ancora uno stato disastroso. L’importante punto di collegamento tra la zona alta e bassa di Pozzuoli versa nella stessa situazione di dieci anni fa, quando 162 millimetri di pioggia misero in ginocchio l’intera area flegrea. Sulla questione torna Gennaro Prebenda, presidente dell’associazione “Pozzuoli Deve Vivere”.
<<Ogni giorno, l'incolumità di tutti i cittadini viene messa in pericolo: i pedoni, nella parte di strada crollata, sono costretti a scendere dai marciapiedi e proseguire al centro della strada; i pullman bloccano continuamente il passaggio, soprattutto quando dal lato opposto transita una fila di auto. Inoltre non esiste alcun piano di sicurezza per salvaguardare la Polizia Penitenziaria quando effettua il servizio di scorta alle detenute. Via Pergolesi continua ad essere caratterizzata dal fenomeno della sosta selvaggia, soprattutto nelle giornate in cui si può far visita alle recluse del carcere; si rischia, infatti, una vera e propria paralisi di questa zona e in caso di emergenza sismica, naturalmente nessun piano di evacuazione regolerebbe il tutto. Insomma l'unico accesso al porto per chi viene dalla tangenziale presenta mezza carreggiata inutilizzata e provoca quotidianamente conseguenze drammatiche>>. L’appello di Prebenda è rivolto alla nuova amministrazione comunale e in particolare al primo cittadino di Pozzuoli, l’ingegnere Agostino Magliulo, affinché renda percorribile l’arteria. Intanto nelle scorse giornate sono partiti i sopralluoghi per la realizzazione dell’America’s Cup per verificare gli interventi da mettere in campo. Lo specchio d’acqua è lo stesso individuato nel 2003: la porzione di costa tra Bagnoli e Pozzuoli fino al basso Casertano. “Siamo pronti ad accogliere questa competizione velica di levatura mondiale? O anche quest’anno ci tocca la bocciatura?” chiosa il “messicano”, che sottolinea l’importanza di manifestazioni simili sul nostro territorio.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©