Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Pozzuoli, le analisi confermano: "L'acqua è buona"


Pozzuoli, le analisi confermano: 'L'acqua è buona'
22/11/2013, 10:18

POZZUOLI - Dopo l’allarme lanciato dal settimanale “L’Espresso” sulla “cattiva” qualità dell’acqua potabile a Napoli e provincia e le susseguenti preoccupazioni manifestate da diversi cittadini, il sindacoVincenzo Figliolia e l’assessore all’Ambiente del Comune di Pozzuoli Franco Cammino hanno deciso di pubblicare sul sito istituzionale i risultati delle analisi compiute quotidianamente in città. Risultati che confermano l’ottima qualità dell’acqua corrente e quindi la piena potabilità. «Quello dell’“Espresso” si è rivelato un falso allarme – spiega l’assessore Franco Cammino – ma noi non avevamo dubbi, perché i controlli sono rigorosi e vengono svolti ogni giorno dal Consorzio Acquedotto Flegreo».
«I cittadini possono stare tranquilli e bere senza problemi l’acqua del rubinetto – aggiunge il sindaco Vincenzo Figliolia –Si erano creati inutili allarmismi, non solo tra la popolazione, ma anche tra ristoratori e agricoltori. Ora tutti possono constatare di persona che l’acqua è buona collegandosi al sito del Comune».
Nella pagina iniziale del portale istituzionale è stata infatti creata una sezione ad hoc: “Assessorato all’Ambiente e Tutela della Salute - Pubblicazione analisi delle acque destinate al consumo umano”. Cliccandoci sopra compare una schermata con i risultati delle analisi disposti mese per mese. Sono 120 le postazioni sparse sull’intero territorio cittadino, dove ogni giorno, a scaglioni, il chimico del Consorzio preleva un campione d’acqua da analizzare. I risultati vengono poi comunicati mese per mese al Dipartimento Prevenzione dell’Asl Napoli 2 Nord, che in caso di anomalie o di esiti negativi invierebbe subito una prescrizione al Comune. «Ma non è mai arrivato nulla – precisa l’assessore Cammino – Quindi possiamo stare tranquilli, anche per il futuro, perché da oggi pubblicheremo sempre sul sito, mese per mese, i risultati delle analisi».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©