Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Pozzuoli: Piattaforma aerea per rilevare abusi edilizi

Monotoraggi con sistemi innovativi

Pozzuoli: Piattaforma aerea per rilevare abusi edilizi
05/07/2013, 15:48

POZZUOLI - Al via il nuovo accordo tra l'amministrazione comunale di Pozzuoli e l'ATI formata dalle società Nuova Avioriprese e Aerosigma per il monitoraggio da piattaforma aerea dell'intero territorio comunale a caccia di abusi edilizi e di inquinamento ambientale. Dopo le positive esperienze degli ultimi mesi, con gli aerei che insieme alla polizia municipale hanno scoperto oltre un centinaio di abusi edilizi di vario genere in numerose zone del vasto territorio comunale, l'amministrazione guidata dal sindaco Vincenzo Figliolia, ha deciso di potenziare i controlli nel pieno rispetto del Codice della Privacy. «Stiamo conducendo una battaglia campale contro chi viola il territorio e violenta le coste - sottolinea Figliolia - siamo tra i Comuni campani più attivi sul fronte della tutela e salvaguardia del territorio».

Nel nuovo accordo siglato con l'ATI c'è anche una novità che riguarda il controllo degli scarichi a mare con un monitoraggio all'avanguardia, come spiega l'assessore al Governo del Territorio Roberto Gerundo: «È un sistema assolutamente innovativo che permette di rilevare le emanazioni di calore dal suolo. In base alle alterazioni delle temperature il sistema segnala la presenza di eventuali scarichi abusivi a mare. Il controllo verrà fatto periodicamente su tutta la fascia costiera del comune di Pozzuoli, mentre per il rilevamento degli abusi edilizi, l'aereo sorvolerà l'intero territorio puteolano almeno due volte al mese: in questo modo nessun nuovo volume di costruzione, né movimenti di terra, discariche o sopraelevate potranno sfuggire al controllo». Cosa che è accaduta appena pochi mesi fa in località Agnano Pisciarelli, dove è stato individuato un manufatto di due piani e prontamente sanzionato: i successivi provvedimenti hanno poi portato, proprio in questi giorni, all'autodemolizione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©