Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

I rifiuti restano in alcune aree più periferiche

Pozzuoli, procede la raccolta domiciliare nei parchi

Convocati gli amministratori condominiali di alcune zone

Pozzuoli, procede la raccolta domiciliare nei parchi
27/07/2011, 13:07

POZZUOLI (NA) - “La filiera istituzionale ha funzionato consentendoci di normalizzare la situazione in città in tempi piuttosto rapidi. Abbiamo ottenuto questo importante risultato- ha affermato il sindaco Magliulo- grazie anche al contributo della SapNa, che ha consentito a questa Amministrazione di raggiungere un primo obiettivo, potendo rimuovere subito i rifiuti dalla strada”
Tornano libere dalle montagne di sacchetti zone come Monteresuciello con le sue strade a lungo martoriate (via Levi, via Rosai, via Carrà, via Modigliani), Toiano, Agnano-Pisciarelli, Licola Mare, Arco Felice ed il centro cittadino. Attraverso l’operazione della Polizia Municipale di monitoraggio territoriale, sono state sanzionate oltre 400 persone per sversamento illegale di rifiuti pericolosi o fuori orario. “Si tratta di un numero ancora alto di cittadini- ha dichiarato il Sindaco- che non hanno ancora preso coscienza della città come un bene di tutti. A loro ricordo di trattarla come se fosse casa propria". “Continuerà l’opera di vigilanza e repressione- ha specificato Magliulo- nei confronti di tutti coloro che non rispetteranno le norme cittadine. Ora che la città è tornata pulita non possiamo, ora più che mai, non rispettare il nostro territorio”.
Restano in località come via Antiniana, via Cuma Licola e via Cigliano alcuni cumuli di rifiuti combusti, già caratterizzati, che saranno rimossi nelle prossime ore, appena la discarica di Chiaiano, l’unica autorizzata allo smaltimento, darà il via libera. Raggiunto il primo obiettivo, quello di ripulire la città, ora si lavora al potenziamento della raccolta differenziata: è stata avviata infatti la procedura per la realizzazione dei centri di raccolta. Procede bene la raccolta domiciliare nei parchi. Soltanto due di questi, il “Caruso” e il “Russo”, non ancora sono rientrati a regime. Nei prossimi giorni sono stati convocati gli amministratori condominiali per precisare le linee guide di intervento.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©