Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Pozzuoli, su richiesta dell'ASL NA 2 il sindaco dispone la chiusura del mercato


Pozzuoli, su richiesta dell'ASL NA 2 il sindaco dispone la chiusura del mercato
12/04/2013, 16:58

Il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia ha firmato un'ordinanza di sospensione dell'attività di vendita dei prodotti alimentari nel mercato al dettaglio di via Fasano. Il provvedimento è stato adottato in seguito ad una specifica richiesta dell'Asl Napoli 2 Nord con cui chiedeva al sindaco di "sospendere ad horas le attività di vendita" sulla base delle "difformità rilevate all'atto dell'accertamento tecnico eseguito in sede di controllo congiunto svolto dal Nucleo Nas del Comando Carabinieri di Napoli assistito dai dirigenti medici e veterinari dell'Asl Napoli 2 Nord il 9 aprile 2013". Il sindaco ha quindi sospeso l'attività mercatale "fino al ripristino delle condizioni di legge necessarie a garantire la salubrità dei prodotti alimentari"

«Mi è arrivata la richiesta dall’Asl e ne ho dovuto prendere atto - ha dichiarato il sindaco Vincenzo Figliolia - Abbiamo fatto una attenta valutazione sia di natura amministrativa che tecnica. Mi sono confrontato con gli assessori al ramo, con il Segretario generale e con il dirigente di settore del Comune. Dopo una serie di valutazioni ho disposto la sospensione immediata della vendita e la chiusura del mercato nel rispetto della legge. Ora, però, c'è da considerare anche un problema di natura sociale, con centinaia di lavoratori finiti in mezzo alla strada in un periodo di crisi economica molto forte. Ricordo a me stesso e a tutti che questo è un mercato aperto fin dal 2003/2004 sulla base di procedimenti amministrativi e da allora fino ad oggi questa struttura è rimasta sempre aperta, dando occupazione a 88 famiglie. Questa è la storia dei fatti. Per quanto ci riguarda realizzaremo tutti gli adempimenti di legge per tutelare la salute pubblica, da un lato, e per consentire, dall'altro, la riapertura della struttura mercatale evitando una crisi economico-sociale».

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©