Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Pozzuoli, successo per l'evento "Vivi le Rampe"

La manifestazione è promossa da alcune associazioni locali

Pozzuoli, successo per l'evento 'Vivi le Rampe'
30/12/2010, 20:12

POZZUOLI (NA) - "Vivi le rampe" è un’iniziativa di promozione culturale, promossa dall’associazione "Un’ala di Riserva" in collaborazione con le associazioni "Lux in Fabula" e "Lab". La manifestazione nasce con l’intento di promuovere la conoscenza dei luoghi di Pozzuoli, talvolta, abbandonati e di farli rivivere attraverso l’arte intesa come produzione e partecipazione. L’evento si è tenuto presso le Rampe Cappuccini (che da via Carlo Rosini, giungono in corso Umberto I) nei giorni 28, 29 e 30 Dicembre dalle ore 16 alle ore 21. La manifestazione è stata caratterizzata da un mercatino di artigiani che, oltre ad esporre i propri lavori, saranno pronti ad insegnare ai partecipanti la propria arte. Durante l’evento ci sono state proiezioni sul muro, musica live, animazione per bambini, giocolieri ed è stata installata una tela lunga 15 metri messa a disposizione di tutti gli artisti per dipingere free style.
Durante l’evento è stato presentato un calendario realizzato con foto storiche inedite di Pozzuoli, dell’artista Manduca. Inoltre c'è stato un percorso che ha accompagnato i visitatori presso l’associazione Lux in Fabula,c on sede nei pressi delle Rampe Cappuccini, dove si può visionare la mostra personale “Vita da Incisore” dell’artista flegrea Veronica Longo. “E’ un’iniziativa che mette insieme diverse realtà associative e promotori culturali del territorio Flegreo per far rivivere luoghi a noi cari” afferma Alfonso De Martino presidente dell’associazione Un’ala di Riserva – “I giovani, il talento, il volontariato e la passione per la propria città, sono le parole d’ordine dell’evento”  conclude De Martino.
Questa festa nasce dall’incontro e il confronto di diverse realtà associative e di singoli cittadini puteolani, i quali vogliono mettersi a disposizione per la promozione del territorio e della cultura.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©