Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Numerose le attività laboratoriali e sportive in cantiere

Pozzuoli, tornano i Campi di Fuoco alla Solfatara

Il campo settimanale aprirà le porte il 13 giugno

Pozzuoli, tornano i Campi di Fuoco alla Solfatara
06/06/2011, 17:06

POZZUOLI (NA) - Si rinnova, anche quest’anno, l’appuntamento con i Campi di Fuoco alla Solfatara. Il filo conduttore che caratterizzerà le attività estive puteolane sarà la riscoperta e la valorizzazione del patrimonio territoriale, attraverso un servizio che garantisca un’esperienza educativa e ludico-ricreativa qualificata. Il campo settimanale, rivolto ai ragazzi dai 6 ai 16 anni, aprirà le porte dal 13 giugno e resterà aperto fino al 29 luglio. Ma poiché i destinatari appartengono a diverse fasce di età, le attività saranno organizzate in maniera diversa. Tra i laboratori, targati associazione Iris, spiccano: “Sentiamo il vulcano”, “Il chimico magico”, “Ratatouille – la cucina nel vulcano”, “Fotografiamoci”, “Conversation con il mondo”, “Ortogiochiamo” e “Land art dei piccoli”. Inoltre i campi estivi della “capitale” flegrea annoverano una serie di campi sportivi, una piscina e una scacchiera gigante all’aperto. L’idea è quella di superare il semplice concetto di intrattenimento per garantire un’esperienza promotrice di un arricchimento della creatività, di crescita nell’autonomia e delle conoscenza per i ragazzi che parteciperanno. Lo staff del campus, capitanato da Patrizia Del Giudice e Maria Laura D’amore, cercherà di avvicinare i bambini al territorio dei Campi Flegrei, facendo loro apprezzare le bellezze di questa terra. Un percorso già seguito lo scorso anno quando i piccoli, eletti mini guide, visitarono la Foresta Regionale Area Flegrea e Monte di Cuma, inaugurata lo scorso anno e poco affermata in confronto al valore che possiede. I campi estivi di Pozzuoli non nascono dunque come periodo di ricreazione estiva – come sottolineano gli organizzatori – ma come un progetto educativo volto a trasformare la giovane popolazione di Pozzuoli in piccoli esploratori e portatori di notizie per il bene prezioso della ricchezza archeologica dei Campi Flegrei. Solo qualche giorno e si ripeterà, dunque, l’esperienza di arricchimento culturale e di crescita delle conoscenze per tutti i piccoli che vi parteciperanno. Un’occasione per socializzare e stare insieme, finalizzata anche a rafforzare e a promuovere un forte senso di comunità.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©