Provincia / Portici

Commenta Stampa

Evento organizzato dalla Coldiretti

Premio "Oscar Green" alle imprese innovative campane

Cerimonia questa mattina alla Facoltà di Agraria

.

Premio 'Oscar Green' alle imprese innovative campane
10/06/2011, 14:06

PORTICI - Confezionamento di prodotti tipici locali con un packaging studiato per facilitare e rendere più agevoli ed estesi la vendita e l’export, riconversione dei suoli da coltivazioni non più redditizie a nuove più rispondenti alle mutate esigenze di mercato, messa a reddito delle molteplici valenze ambientali, sociali ed economiche dell’attività agricola con attività agrituristiche, di fattorie didattiche, centri estivi in fattoria ed altro, recupero di specie agronomiche autoctone e di metodi tradizionali di lavorazione. Sono questi alcuni dei nuovi mestieri scaccia crisi delle imprese agricole campane che hanno vinto la selezione regionale e parteciperanno a quella nazionale dell’’”Oscar Green”, il premio per l’innovazione dei Giovani della Coldiretti con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea.

Tanti i volti dell’agricoltura vincente e innovativa degli under 30 del movimento di Giovani Impresa di Coldiretti che si sono ritrovati questa mattina a Portici, all’Aula Magna della Facoltà di Agraria dell’Università Federico II. All’incontro hanno preso parte Paolo Russo, Presidente Commissione agricoltura Camera dei deputati; Paolo Masi, Preside della Facoltà Vittorio Sangiorgio delegato nazionale Giovani Impresa Coldiretti; Vincenzo Ferrara, comandante dei Nuclei Antisofisticazione dei carabinieri per l’Italia Meridionale; Vito Amendolara, Assessore all’Agricoltura della Regione Campania, e Prisco Lucio Sorbo, direttore della Coldiretti Campana. "L’obiettivo dell’iniziativa – ha spiegato Lucio Sorbo – è quello di valorizzare le imprese impegnate a costruire una filiera agricola tutta italiana, cioè con prodotto al 100% italiano, innovando la propria attività per rispondere alle esigenze dei consumatori e dell’ambiente ed essere sempre più competitive sul mercato".

Occasione propizia è stata anche per parlare dei danni economici subiti ingiustamente dai produttori di frutta e verdura nazionali per il crollo dei consumi provocati dalla diffusione di notizie, poi risultate infondate circa il batterio killer trovato in Germania,. Proprio per esaltare la qualità e il controllo della merce italiana, la Coldiretti ha promosso una degustazione di frutta e piatti tipici risorgimentali che richiamano le antiche tradizioni popolari e risentono di quelle contaminazioni culturali della cultura italiana.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©