Provincia / Avellino

Commenta Stampa

presentazione ad Avellino del rapporto della Banca d'Italia sull'economia della Campania


presentazione ad Avellino  del rapporto della Banca d'Italia sull'economia della Campania
20/06/2012, 15:06

Il prossimo 28 giugno alle ore 10,30 presso la sala conferenze dell’ex Carcere Borbonico si terrà, per la prima volta ad Avellino, la presentazione pubblica del rapporto su “L’Economia della Campania” con il quale la Banca d’Italia mette a disposizione i risultati delle proprie analisi sulla congiuntura e sulla struttura dell’economia locale.

Il convegno vuole offrire un contributo di riflessione sugli effetti della crisi per le famiglie e le imprese campane, con particolare riferimento a quelle irpine, sulle dinamiche recenti della domanda e dell’offerta di credito e sulla capacità di reazione mostrata da una parte del sistema produttivo.

Dopo i saluti del Prefetto Umberto Guidato, del Presidente della Provincia Cosimo Sibilia e del Sindaco Giuseppe Galasso, i lavori verranno aperti dai Direttori delle Filiali della Banca d’Italia di Avellino e Napoli, Giuseppe Genovese e Giuseppe Boccuzzi.

Giovanni Iuzzolino, che dirige la Divisione Analisi e Ricerca Economica della Sede di Napoli, fornirà un quadro complessivamente non incoraggiante dell’economia campana, nell’ambito del quale peraltro può essere colto qualche segnale positivo : un numero minoritario, ma non esiguo, di imprese ha mostrato una capacità di reazione recuperando i livelli di attività pre-crisi. Sono soprattutto le aziende che durante i primi anni della crisi hanno investito in innovazione o internazionalizzazione. E’ la conferma che la ricerca di nuovi prodotti o di nuovi mercati è una strategia di efficace contrasto al calo delle vendite.


Raffaello Bronzini del Servizio Studi della banca centrale presenterà i risultati di alcune ricerche che illustrano i legami economici tra Nord e Sud: in particolare in che misura il Centro Nord trae vantaggio dall’espansione economica del Mezzogiorno, qual è il peso delle imprese e delle banche del centro nord sull’economia del sud, qual è il saldo della bilancia turistica tra le due aree.


Sulle potenzialità industriali della provincia di Avellino , sulle strategie vincenti contro la crisi e sulle difficoltà di accesso al credito si concentreranno le testimonianze di due imprenditori, Federica Vozzella, Direttore generale della Desmon – che produce attrezzature professionali refrigerate - e Alberto De Matteis, Amministratore Delegato della Elconmegarad, azienda impegnata nella produzione di componenti per cavi elettrici che fa parte del gruppo De Matteis Agroalimentare.


Infine interverrà Paolo Ricci, Ordinario di Economia delle Aziende e delle Amministrazioni Pubbliche presso l’Università degli Studi del Sannio e l’Università Roma Tre che si soffermerà su alcuni aspetti dell’economia pubblica. La Campania aggiunge ai noti problemi strutturali di scarsa competitività dell’economia, una difficile situazione della finanza locale. Gli enti locali si caratterizzano per il maggior indebitamento tra le regioni italiane, per la più bassa capacità di riscossione e per la maggiore pressione fiscale locale. Nei prossimi anni la spesa pubblica dovrà ridimensionarsi: è necessario anche su scala locale recuperare margini di efficienza nell’azione della pubblica amministrazione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©