Provincia / Castellammare di Stabia

Commenta Stampa

Presenza di amianto negli uffici comunali di Castellammare

La Cisl Fp di Napoli: “Emergenza da fronteggiare”

Presenza di amianto negli uffici comunali di Castellammare
01/08/2012, 12:40

“Siamo veramente preoccupati per la salute dei lavoratori del Comune di Castellammare e per quanti ogni giorno frequentano gli uffici della sede distaccata di via Rajola” è quanto afferma il segretario generale della Cisl Funzione pubblica di Napoli, Salvatore Altieri.

Il segretario generale interviene in merito alla situazione venutasi a creare negli uffici comunali di di Palazzo di Nola dopo che, all’inizio del mese di luglio, furono  interessati dal crollo del solaio. Da quel momento,  i pannelli della controsoffittatura caduti  sono stati sistemati provvisoriamente nei corridoi e nei locali degli uffici.

Qualche giorno fa, i rappresentati sindacali del Comune, preoccupati che i pannelli crollati potessero essere stati realizzati con lana di vetro o amianto,  hanno scritto  all’Amministrazione dell’Ente, affinchè si provvedesse a rimuoverli e, soprattutto, a sottoporli ad analisi specifiche per stabilirne la composizione.

 

“Attendendo il  riscontro alla  richiesta della RSU- commenta il segretario della Cisl Fp di Napoli – ci  siamo rivolti all’Amministrazione Stabiese  e all’Asl di competenza per ripristinare, da un lato, lo stato degli uffici, ma soprattutto per conoscere la composizione del materiale crollato e, dunque, di tutta la controsoffittatura ancora presente”.

“Qualora, infatti, si dovesse accertare che il materiale sia  potenzialmente cancerogeno vi è l’assoluta urgenza di sottoporre  ad esami clinici specifici i dipendenti del Comune che operano e hanno operato in questi anni negli uffici in Via Rajola” dichiara Altieri.

 “La salute dei lavoratori e degli utenti deve essere garantita prioritariamente, perciò vigileremo sull’esito degli interventi e degli esami, al fine di mettere in atto tutte le forme di tutela necessarie alla difesa della salute e della sicurezza” conclude Salvatore Altieri

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©