Provincia / Caserta

Commenta Stampa

I servizi dovrebbero essere spostati al Palasciano

Presidio 118 e Guardia medica, coro di no al trasferimento

Per gli operatori la nuova sede non è idonea

.

Presidio 118 e Guardia medica, coro di no al trasferimento
09/11/2012, 14:43

CAPUA - Sono sul piede di guerra i dipendenti del 118 e della guardia medica dell’ospedale di Capua. Contestano il possibile trasferimento dall’attuale sede di via Umberto D’Aquino, che li ospita da 8 anni, al vecchio ospedale Palasciano . La guardia medica dovrebbe infatti essere spostata nei locali che attualmente ospitano il reparto di oculistica mentre il servizio 118 finirebbe qui, in questi locali senza finestra, dove ora si trova la sala prelievi. Al momento non c’è al riguardo alcuna nota ufficiale da parte dell’Asl che avrebbe comunicato soltanto verbalmente ai diretti interessati la volontà di effettuare il trasferimento.  Uno degli addetti al servizio accetta di spiegarci le perplessità che attanagliano gli operatori ma solo dietro la promessa che manterremo l’anonimato (guarda la videointervista).  Ai problemi di sicurezza e alle difficoltà di accesso e fruizione della struttura da parte del personale si aggiungono poi anche i disagi per i cittadini. Raggiungere la Guardia medica – sostengono gli addetti ai lavori - diventerebbe un percorso a ostacoli fatto di ascensori guasti, scale ripide e un labirinto di corridoi. E mentre i lavoratori si interrogano sui motivi che avrebbero spinto l’Asl ad assumere questa decisione, c’è anche chi si domanda chi beneficerà della sede di via D’Aquino che presenta invece tutti i comfort previsti dalla normativa. Secondo voci di corridoio qui potrebbe essere trasferito il reparto di medicina legale che attualmente si trova ad Aversa. Ma si tratta soltanto di una ipotesi che al momento non ha trovato alcun riscontro ufficiale.

Commenta Stampa
di Daniela Volpecina
Riproduzione riservata ©