Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Tra gli alimenti sconsigliati: latte, formaggi e carne rossa

Prevenzione cancro, le scoperte di un team medico casertano

Del Buono:con i cibi giusti, più facile sconfiggere i tumori

.

Prevenzione cancro, le scoperte di un team medico casertano
23/10/2012, 11:53

CASERTA - Casi di tumore in aumento in provincia di Caserta così come in tutta la Campania. Per prevenirli e combatterli un team medico casertano scommette sull’alimentazione  e porta alla luce dati che erano stati scoperti, anche se sottovalutati, sin dagli anni Ottanta. ‘Molto si è fatto nella ricerca di base per la lotta al cancro – spiega  Andrea Del Buono, specialista in immuno-allergologia – basti pensare ai grandi successi della terapia biologica ma tanto resta ancora da fare se si considera che il cancro resta la seconda causa di morte. Ecco perché è necessario spostare l’attenzione sulla prevenzione primaria (quella cioè da mettere in campo quando non si è ancora ammalati) piuttosto che su quelle secondaria e terziaria come invece si fa attualmente. Noi riteniamo infatti che sia fondamentale sviluppare una cultura della prevenzione ed è quello che stiamo cercando di fare attraverso l’istituzione dell’Accademia di micro nutrizione’. I primi dati al riguardo risalgono al 1981 e si devono a due epidemiologi inglesi che hanno studiato e approfondito il rapporto tra alimentazione e cancro dimostrando che scegliere i cibi giusti significa avere il 40% di possibilità in più di abbattere il cancro. Tra i cibi sconsigliati ci sono il latte, i formaggi, la carne rossa e tutti quegli alimenti che contribuiscono a far crescere le cellule tumorali. Da qui l’invito del dottor Del Buono ai pazienti e soprattutto ai medici ad adottare gli approcci terapeutici adatti per ottenere una risposta più efficace alle terapie. Il tema sarà al centro di un congresso in programma il prossimo 27 ottobre all’hotel Belvedere di San Leucio a Caserta nel corso del quale si affronteranno anche le connessioni esistenti tra l’alimentazione e l’autismo.

Commenta Stampa
di Daniela Volpecina
Riproduzione riservata ©