Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Provincia di Napoli, CGIL, CISL, UIL, UGL: “la giunta si dimetta”


Provincia di Napoli, CGIL, CISL, UIL, UGL: “la giunta si dimetta”
22/06/2012, 11:06

Nonostante gli inviti, le richieste e le sollecitazioni provenienti da anni dal Sindacato Confederale Napoletano nei confronti dell’Amministrazione Provinciale di Napoli, CGIL, CISL, UIL e UGL hanno dovuto attendere la giornata odierna per essere convocate dall’Assessore al Bilancio che ha illustrato il Bilancio di Previsione 2012 caratterizzato da un ulteriore inasprimento sul fronte delle tasse imposte ai cittadini.
Abbiamo appreso dalle parole dell’Assessore Dott. Serao, che a seguito della riduzione di trasferimenti da parte del Governo, pari a circa 90 milioni di euro e ad un introito sperimentale ricevuto dalla Provincia di 60 milioni di euro, il saldo passivo da ripianare per l’esercizio 2012 ammonta a circa 33 milioni di euro.
Cosa ha stabilito l’Amministrazione provinciale per pareggiare questo deficit ?
Aumentare le tasse ai cittadini per l’intero importo !
Il conto da pagare sarà perciò compensato esclusivamente con l’aumento dell’RCA, dell’IPT e della Tarsu !
A pagare le spese di tale politica saranno sempre e solo i cittadini, senza alcuna distinzione tra ricchi e poveri.
Le OO.SS. di converso hanno chiesto di operare riduzioni alle consulenze e di razionalizzare le spese per società pubbliche come la SAPNA, le cui funzioni non appaiono né chiare né tangibili, anche alla luce delle inchieste in atto.
In relazione alla Tarsu, l’aumento della parte di competenza provinciale sarà più gravoso (da 120 euro tonnellata a 148 euro per tonnellata). Ciò comporterà che in tutti e 92 comuni della provincia di Napoli i cittadini saranno costretti a pagare aumenti della Tarsu che già allo stato attuale appare tra le più alte d’Europa, a fronte di un servizio che in molti territori risulta scadente e di scarsa qualità.
Le OO.SS. non condividono questa impostazione politica, né sul piano del metodo, tantomeno su quella del merito e ritengono che la cosa più sensata che possa fare la Giunta Cesaro è quella di dimettersi .
Non è possibile che a bilancio già realizzato e blindato, si convochino le OO.SS. per le sole comunicazioni di rito.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©