Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Qualiano, cinque piazzette Adottate, ripulite e consegnate alla città


Qualiano, cinque piazzette Adottate, ripulite e consegnate alla città
21/10/2011, 14:10

Le imprese hanno accettato la sfida e preso in cura gli spazi collettivi. A disposizione altri cinque piazzette Adottate, ripulite e consegnate alla città: continua l’iniziativa dell’amministrazione comunale di adozione delle piazze e dei luoghi collettivi. Dopo le aiuole di piazza Rosselli, piazza Kennedy e piazza del Popolo, i cittadini possono riappropriarsi anche della piazzetta situata nel parcheggio bus di Via di Vittorio, angolo Via Falcone. Adottato da un imprenditore della cittadina, il piazzale è stato curato fin nei minimi dettagli dagli addetti ai lavori per renderlo agibile ed usufruibile ai residenti.







Il progetto nato per volontà dell’amministrazione comunale guidata da Salvatore Onofaro, ha riscosso notevole successo tra le imprese cittadine che hanno voluto collaborare, tramite una sponsorizzazione, al recupero degli spazi. Al termine dei lavori, ogni luogo restituito ai cittadini, avrà una targhetta del “genitore” adottivo, che si impegnerà inoltre, per un intero anno, a curare e controllare l’area. Da adottare restano ancora 5 piazze ed aiuole. Il Comune attende che gli ultimi imprenditori si facciano avanti per consegnare loro gli spazi.




"E' un progetto per la città e per il recupero degli spazi - commenta il primo cittadino Salvatore Onofaro - I privati che hanno adottato gli spazi, hanno accettato la sfida con entusiasmo. Tutti hanno capito che questa iniziativa è per il bene dell'intera città".




Intanto, grazie al nucleo di vigilanza ambientale, che si serve dell’auto blu che il primo cittadino ha donato loro rinunciandovi, continuano serrati i controlli agli sversamenti abusivi. Gli addetti, non solo setacciano il territorio alla ricerca dei contravventori, ma analizzano i rifiuti sversati per controllare se ci siano sostanze tossiche e materiali che invece andrebbero correttamente differenziati. Grazie a questo metodo insieme alla videosorveglianza, le guardie, sono riuscite a risalire ai responsabili ed a comminare le multe stabilite dall’amministrazione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©