Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Qualiano. Piantato in Piazza Rosselli l'"Ulivo della Pace con l'Ambiente"


Qualiano. Piantato in Piazza Rosselli l''Ulivo della Pace con l'Ambiente'
20/12/2011, 14:12

Un ulivo in Piazza Rosselli, un simbolo di pace nei confronti dell’ambiente mortificato dei nostri territori. Così dal palazzo comunale si vuole esprimere il rispetto nei confronti della natura martoriata dell’area a nord di Napoli . Un ulivo, albero altamente simbolico, per riappacificarsi con l’ambiente dopo lo sfregio fattogli subire in anni ed anni di sversamenti abusivi. Una mano tesa dalla popolazione e dal Comune in testa per giungere ad una riappacificazione dopo le offese inferte.

“Ringrazio la ditta Rainone per aver regalato alla nostra città l’albero di ulivo, nell’ambito del progetto “Adotta un’aiuola” – commenta il primo cittadino Salvatore Onofaro – Appena l’ho visto ho pensato di dargli un significato che tutti potessero condividere in pieno. Ho subito pensato alla natura, agli abusi che ha subito in questi anni, alle discariche sul nostro territorio. Sono giunto quindi a pensare ad una sorta di gesto di riappacificazione nei confronti dell’ambiente. Una mano tesa, una richiesta profonda di scuse per il male che gli è stato inferto. Per questo, da oggi, chiunque guardi quell’ulivo dovrà ricordarsi della natura e del rispetto che le dobbiamo”.

Intanto in Piazza Rosselli continuano i lavori di riqualificazione. Ripristinata ed abbellita la piazzola centrale, adesso tocca alle aiuole laterali, in una delle quali è stato piantato l’Ulivo della Pace con l’Ambiente. A breve inizieranno anche i lavori in Piazza Nenni adottata da Mc Donald’s. Le aiuole saranno ripulite e verranno piantati nuovi fiori colorati.

“La gente si sta abituando al bello – conclude il sindaco – Più gli imprenditori lavorano per le nostre aiuole e i giardinetti più i cittadini si affezionano. Il cambiamento è stato netto e sicuramente i miei concittadini saranno i primi a tutelare e mantenere pulite piazze e spazi verdi”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©