Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Qualiano. Via alle sponsorizzazioni per la raccolta differenziata


Qualiano. Via alle sponsorizzazioni per la raccolta differenziata
15/12/2011, 13:12

Dopo il verde pubblico, la raccolta differenziata. Il progetto di sponsorizzazioni, che tanto successo ha ottenuto tramite l’iniziativa “Adotta un’aiuola”, si sposta sulla differenziazione dei rifiuti. Ai privati, così come per i giardinetti e le piazze, sarà affidato il compito di raccolta di materiali da riciclo.

La giunta comunale ha infatti approvato una delibera con la quale si da la possibilità ad aziende specializzate in materia ambientale di ritirare, trasportare e avviare il recupero di olio vegetale esausto di provenienza domestica e commerciale, raccolta di abiti, indumenti e scarpe dismesse e pneumatici usati, fuori uso o abbandonati.

I costi derivanti dalle attività, così come gli eventuali proventi, saranno in capo alla ditta “promovente sponsor”. La sponsorizzazione avrà la durata di tre anni dalla data di sottoscrizione della Convenzione con il Comune.

“E’ un nuovo passo verso l’incremento della raccolta differenziata – commenta l’assessore all’ambiente Giuseppe Musella – Differenziare non vuole dire solo separare carta e plastica. Ci sono tantissimi altri materiali che possono essere riciclati. Per questo, data la carenza di fondi, abbiamo deciso di affidare a privati l’onere di raccogliere olio vegetale esausto di provenienza domestica e commerciale, abiti, indumenti e scarpe dismesse , pneumatici usati, fuori uso o abbandonati. Usiamo lo strumento delle sponsorizzazioni affinché i costi siano sostenuti dalle aziende ed i benefici ottenuti dai nostri concittadini”.

“Offriremo alla città, grazie all’aiuto dei privati, un nuovo servizio di differenziata – commenta il sindaco Salvatore Onofaro – Per questo invitiamo le ditte specializzate a farsi avanti e stipulare con noi la convenzione che darà loro la possibilità di raccogliere i rifiuti ed ai miei concittadini di poter riciclare e rispettare l’ambiente”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©