Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Il 26 e il 27 dicembre presso la chiesa Gesù Divin Maestro

Quarto, scatta il conto alla rovescia per il Presepe vivente


Quarto, scatta il conto alla rovescia per il Presepe vivente
08/12/2010, 11:12

QUARTO (NA) - Anche quest'anno si rinnova l'appuntamento con il Presepe vivente, a cura della chiesa Gesù Divin Maestro di Quarto. L'edizione 2010 avrà come sfondo la "Masseria Casalanno", in prossimità della parrocchia. "Il Presepe vivente è per la nostra comunità parrocchiale una buona occasione per rivivere quella magica notte, notte di luce e di estrema tenerezza di un Dio, che ci ama così tanto da farsi bambino. Ecco perché la realizzazione del presepe vivente a Quarto non vuole essere soltanto un invito a riscoprire e far riscoprire ai visitatori un’antica tradizione molto radicata nelle nostre terre del meridione d’Italia, ma soprattutto un’esortazione allo stupore: stupore dinanzi al mistero dell’Incarnazione del Verbo, stupore al cospetto di un piccolo essere di carne che si propone come Dio-con-noi. Da questa iniziativa, non priva di difficoltà organizzative, ci attendiamo altresì che possa scaturire una ventata di energia nuova, che dia linfa e valorizzi in maniera permanente, sotto il profilo ambientale e quello commerciale, una zona di Quarto conosciuta come la <<Macchia>>, di grande interesse paesaggistico e ambientale, ma un po’ emarginata". Questo l'augurio lanciato dalla comunità parrocchiale, guidata da don Genny Guardascione, affinché la "sacra rappresentazione della Natività possa essere motivo di profonda riflessione e indurre ogni persona a sapersi mettere in discussione, a sentire il bisogno di un Dio amico, che ci guidi e ci accompagni nel cammino della vita". Dopo il grande successo dell'edizione 2009 torna anche il "Mercatino di Natale": tutte le domeniche di dicembre sul sagrato della Parrocchia Gesù Divino Maestro, luci, bancarelle e stelle natalizie faranno da cornice a tali festività. Il “Mercatino natalizio 2010″ non ha scopi puramente commerciali, ma offre l’occasione alla comunità parrocchiale di contribuire ad alcuni dei progetti in corso.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©