Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Questura di Caserta, contrasto attività della locale criminalità


Questura di Caserta, contrasto attività della locale criminalità
08/10/2013, 11:09

CASERTA - Nell’ambito delle indagini finalizzate a contrastare l’attivita’ della locale criminalita’ organizzata, decine di Agenti della Squadra Mobile di Caserta, diretta dal Vice Questore Alessandro Tocco, hanno effettuato diverse perquisizioni in Casal di Principe e comuni limitrofi. In particolare, è stata perquisita l’abitazione di pertinenza di Corvino Pasquale di anni 80, immune da pregiudizi di polizia ed ex Guardia Giurata, assolutamente insospettabile.
Nel corso delle operazioni, durate oltre 15 ore, venivano rinvenute e sequestrate, ammucchiate in tutta l’abitazione ubicata nella centralissima via Toti, circa 79000 cartucce da caccia calibro 20 e 12 di varie marche, 50 cartucce cal 9x21 marca fiocchi, oltre 11.000 bossoli per fucile da caccia completi di innesco e carica di polvere da sparo, oltre 5.000 bossoli cal. 12 da caccia muniti di solo innesco, una pressa elettrica per la chiusura ermetica di cartucce da caccia, nonche’ materiale vario, necessario per il confezionamento artigianale di cartucce.
Il sospetto degli inquirenti, avvalorato dal rinvenimento della pressa e di altro materiale utilizzabile per la fabbricazione delle cartucce, è che le munizioni venissero vendute a chiunque e, quindi, anche a soggetti appartenenti alla locale criminalità organizzata.
Nel corso delle operazioni, coordinate direttamente sul posto dal Vice Questore Alessandro Tocco, venivano, altresì, rinvenuti 5 fucili da caccia, una pistola ed altre munizioni regolarmente detenute, che venivano comunque sottoposte a sequestro cautelare amministrativo.
Si pensi che per trasportare in Questura tutto il materiale sequestrato sono stati necessari tre furgoni e diverse autovetture della Polizia di Stato.
Le cartucce, il cui valore è stimabile, probabilmente per difetto, in circa 100mila euro, saranno distrutte, previa autorizzazione della competente Autorità Giudiziaria, atteso la estrema pericolosità di custodire un quantitativo così grande di munizioni, accumulate senza alcuna cautela atta e prevenirne l’esplosione.
Al termine delle operazioni, l’ottantenne Corvino Pasquale e’ stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria per fabbricazione e detenzione abusiva di munizioni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©