Provincia / Caserta

Commenta Stampa

L'episodio estorsivo risale al 4 ottobre scorso

Racket ad Aversa, arrestato il nipote del boss Iovine

Il pluripregiudicato incastrato dalle telecamere

.

Racket ad Aversa, arrestato il nipote del boss Iovine
25/10/2012, 10:43

AVERSA - E’ stato arrestato nella tarda serata di ieri dagli agenti della squadra investigativa del commissariato di Aversa, il pluripregiudicato Francesco Iovine, nipote del boss dei Casalesi, Antonio Iovine, detto o’Ninno. Insieme ad un complice incensurato, il giovane Amedeo Sorpreso, di appena 23 anni, erano stati coinvolti in una sparatoria. Entrambi sono accusati, in concorso tra loro, di porto abusivo e detenzione illegale di arma da fuoco, spari in luogo pubblico, danneggiamento e minacce gravi. Reati commessi il 4 ottobre scorso quando furono esplosi due colpi d'arma da fuoco in direzione del bar Eis di piazza Marconi ad Aversa provocando il danneggiamento della vetrata superiore della porta di accesso e del soffitto. Sul manto stradale antistante l'attività commerciale furono rinvenuti dalla polizia due bossoli calibro 7,65, un'ogiva in piombo nonché una cartuccia dello stesso calibro ancora inesplosa. Il 22enne rampollo della famiglia Iovine è stato incastrato dalla polizia grazie alle registrazioni del sistema di videosorveglianza di cui era munito un negozio limitrofo al bar di Piazza Marconi oggetto dell'episodio intimidatorio. Nessun commerciante della zona ha infatti collaborato con gli inquirenti. Secondo una prima ricostruzione dei fatti pare che alla base della ritorsione dei due giovani ci sia stato un alterco tra alcuni commercianti che dissentivano dal comportamento provocatorio e tracotante di Iovine. Le indagini puntano ora a verificare se dietro il litigio vi fosse una richiesta di pizzo, anche perché di recente la polizia ha constatato una ripresa dell’attività estorsiva da parte di giovani leve del clan.

Commenta Stampa
di Daniela Volpecina
Riproduzione riservata ©