Provincia / Acerra

Commenta Stampa

Raffaele Lettieri già al lavoro per il ballottaggio: «Subito una delibera di indirizzo per rilanciare Acerra»


Raffaele Lettieri già al lavoro per il ballottaggio: «Subito una delibera di indirizzo per rilanciare Acerra»
08/05/2012, 17:05

Il candidato a sindaco di Acerra Raffaele Lettieri, dopo aver trascorso la mattinata con la moglie ed i figli, nel pomeriggio ha ripreso la campagna elettorale innanzitutto ringraziando i candidati delle liste che lo hanno sostenuto e formulando gli auguri agli eletti.

«Sono particolarmente soddisfatto – spiega Raffaele Lettieri - del risultato raggiunto al primo turno e sebbene il vantaggio sul mio sfidante sia di oltre 1600 voti, sarà indispensabile raggiungere con il nostro programma tutti gli elettori di Acerra. Noi proseguiamo per la nostra strada, lontani da ogni polemica perché questo è tempo di programmazione e concretezza e per questo sarà fondamentale contattare tutti, ciascun uomo e donna libera di Acerra, anche quanti al primo turno dovessero aver deciso per un’altra opzione».

E così Lettieri riparte da dove ha terminato la campagna elettorale al primo turno con il grande entusiasmo vissuto nella manifestazione di venerdì scorso in piazza Duomo.

«Si riparte continuando a distribuire il programma ai cittadini di Acerra e spiegando quale sarà il primo atto della nuova giunta, una delibera di indirizzo per affrontare i principali problemi di Acerra iniziando dalle vere emergenze».

Questi i contenuti della delibera di indirizzo che sarà approvata nella prima seduta di Giunta: per la scuola avvieremo un percorso di solidarietà tra i plessi scolastici per individuare delle strutture sul territorio acerrano dove gli alunni del Primo circolo potranno continuare il loro percorso senza ulteriori disagi, nel frattempo sarà sfruttata la possibilità che il Commissario ha dato con la delibera sottoscritta il 5 aprile scorso che destina 5 milioni di euro di ristori ambientali per ristrutturare la struttura scolastica.

Questione Tav, nella delibera della prima Giunta sarà chiesto immediatamente alla Regione di rivedere la propria decisione e sarà avviato immediatamente il confronto con tutti gli enti istituzionali coinvolti, che obblighi la Regione a cambiare idea.

Tra i primi atti poi, ci sarà il massimo interessamento per il lavoro: perché il primo bisogno che hanno Acerra ed i suoi cittadini è creare lavoro.

Sempre nella prima giunta di indirizzo ci dedicheremo al balzello iniquo pagato dai cittadini al Consorzio Volturno, uno di quei tributi ai quali si fa riferimento quando nel programma elettorale si è parlato di sistema tributario da portare ad una propria equità. Sarà nominato un legale, magari anche lo stesso degli altri Comuni che hanno trovato una soluzione al problema, per avviare un’azione di contrasto perché almeno la parte urbanizzata venga sollevata dal tributo che ancora viene versato al Consorzio Volturno. E poi, sempre nella prima delibera di Giunta chiederemo ufficialmente che tornino ad Acerra gli oltre 2000 reperti archeologici recuperati sul nostro territorio, perché questo rappresenterebbe la vera svolta nel campo culturale, tenendo sempre ben presente l’obiettivo di coniugare la qualità della proposta culturale con l’esigenza di inserire Acerra nei circuiti virtuosi della cosiddetta “economia della cultura”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©