Provincia / Ischia

Commenta Stampa

Rassegna letteraria 'Ischia libri d’A...Mare'


Rassegna letteraria 'Ischia libri d’A...Mare'
19/07/2013, 13:44

ISCHIA - La rassegna letteraria Ischia libri d’A…Mare, quest’anno ispirata al tema Musica, Cinema e Letteratura: la sintesi spontanea”, inaugura la XVIII edizione con una serata dedicata al bello della musica.

Dal 22 luglio al 28 Agosto 2013, Piazza Santa Restituta, a Lacco Ameno d’Ischia, si trasformerà in un salotto culturale ed accoglierà personaggi della cultura, della musica, del cinema, della letteratura e dello show-business, per dar vita ad una riflessione sui cambiamenti che hanno attraversato negli ultimi vent’anni il nostro Paese.

 

Realizzata con il patrocinio della Regione Campania, del Comune di Lacco Ameno, dell’Ente Provinciale per il Turismo di Napoli  e dell’Azienda Autonoma di Cura, soggiorno e Turismo delle isole di Ischia e Procida, la kermesse sarà ospitata tra lo scenario di Piazza Santa Restituta ed i belvedere di alberghi noti al jet set internazionale come il Regina Isabella di Giancarlo Carriero, il Mezzatorre Resort di Alessandra di Lorenzo e il San Montano e Reginella della famiglia De Siano, che ospiteranno grandi nomi del panorama culturale italiano.

 

Lunedì 22 luglio (Piazza S. Restituta –ore 21,30), Stefano Bollani, autore del volume “Parliamo di musica” (Mondadori), insieme al giornalista Gianni Ambrosino, con parole semplici e sfatando insidiosi luoghi comuni, svelerà i segreti di un laboratorio fantastico, quello dell'improvvisatore: armonia, melodia, dinamiche, ritmo, colpi a effetto, trucchi, debolezze e assi nella manica dei jazzisti, dei creatori pop e degli interpreti. Un viaggio affascinante nei meccanismi della creazione musicale raccontato da uno dei massimi talenti del nostro tempo. "L'idea che per capire la musica si debba per forza possedere un certo bagaglio culturale è una furbata, spesso è una scusa per pigri, o una medaglia acquisita sul campo per chi crede di essere fra quelli che la 'capiscono'. – racconta Bollani -Avere gli strumenti per godere della musica non significa conoscere né l'armonia né l'epoca in cui è stata scritta né il retroterra culturale del compositore, ma riconoscere qualcosa che abbiamo dentro e che risuona."

 

La rassegna prosegue lunedì 5 agosto (Piazza S. Restituta –ore 21,30), con Sergio Zavoli, autore de “L’infinito istante” (Mondadori), che rivolgerà l’attenzione ai temi misteriosi e attraenti dell'interiorità, dove il ruolo metafisico dell'istante e dell'infinito conferisce alla sua inquietudine un'irrinunciabile tonalità laica - seppure nel nome indicibile del dopo - complici i sogni e i segni della mortalità. Forse l'eco di una fides infirma di agostiniana, leale, schiusa franchezza.

 

Giovedì 8 agosto (Piazza S. Restituta –ore 21,30), Marina Ripa di Meana, autrice di “Invecchierò ma con calma” (Mondadori), svelerà il lato nascosto della propria anima dando forma al racconto autobiografico di una donna che nella prima parte della propria esistenza ha avuto tutto: successo, bellezza, amore, sesso, soldi, celebrità, anche se dietro quella facciata di apparente spensieratezza c'erano grande fatica, determinazione e sofferenza. Una donna che non ha mai rinunciato alla voglia di anticonformismo, di libertà; una donna che, come dice lei, "non si è fatta mancare nulla".

 

Martedì 20 agosto (Piazza S. Restituta –ore 21,30), Luciano De Crescenzo, autore di “Garibaldi era comunista” (Mondadori) e Gianluca Mech, autore di “Dimagrisci con la Tisanoreica” (Mondadori) dimostreranno rispettivamente come il buon umore possa affondare le proprie radici in luoghi inaspettati, come tra le pagine di un libro di storia, e come è possibile ristabilire l’equilibrio interiore attraverso la cura del proprio corpo.

 

Mercoledì 21 Agosto (Piazza S. Restituta –ore 21,30), Lina Wertmüller, autrice di “Tutto a posto e niente in ordine” (Mondadori) attraverso il racconto delle mille avventure professionali e umane, e la fitta e gioiosa trama di incontri e amicizie, tratteggerà, con sguardo tagliente e acuto, un'Italia sempre in lotta con la propria identità: gaudente eppur cattolica, scugnizza ma anche insopportabilmente borghese, metallurgica e padronale.

 

La rassegna chiuderà i battenti mercoledì 28 agosto (Piazza S. Restituta –ore 21,30), con Maurizio De Giovanni, autore de “I bastardi di Pizzofalcone” (Einaudi), e Titti Marrone, autrice de “Il tessitore di vite” (Mondadori), in una serata dedicata alle luci ed ombre dell’esistenza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©