Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Stava facendo la guardia a un carro armato,indagini in corso

Ravenna, militare 21enne muore folgorato nello scalo merci

Nativo di Formia, da tempo risiedeva a Falciano del Massico

.

Ravenna, militare 21enne muore folgorato nello scalo merci
05/08/2013, 12:01

FALCIANO DEL MASSICO – Era della provincia di Caserta il militare di 21 anni morto folgorato, nella tarda serata di ieri, mentre era di guardia ad un carro armato presso lo scalo merci di via del Mangano a Ravenna. Sulle cause e sulla dinamica dell’episodio, classificato dal 118 come “infortunio sul lavoro”, sono in corso accertamenti. Oltre agli operatori sanitari, che hanno potuto solo constatare il decesso del giovane, sono intervenuti vigili del fuoco, polizia e carabinieri. La vittima, Bernardo Ceraldi, originario di Formia, in provincia di Latina, ma residente a Falciano del Massico, nel Casertano, era in servizio come caporale dell’Esercito al 66mo Reggimento Fanteria di Forlì. Secondo una prima ipotesi, verso le 22.40 di ieri, il giovane militare sarebbe salito su uno dei carri armati in transito allo scalo merci della stazione romagnola e avrebbe toccato i cavi dell’alta tensione. Il primo a soccorrerlo è stato il commilitone che, come lui, si trovava in servizio di vigilanza al convoglio. Bernardo Ceraldi, si legge in una nota della Brigata Aeromobile Friuli “ha perso la vita durante un servizio di vigilanza non armata ad un convoglio ferroviario per il trasporto di mezzi corazzati”. I commilitoni in servizio, viene sottolineato ancora, “richiamati dalla luce di una forte scarica, sono accorsi richiedendo immediatamente l’intervento del 118. Inutili i tentativi di rianimazione posti in essere dai colleghi e dal personale sanitario”. Il corpo del giovane, chiosa la nota, “è stato ritrovato sopra uno dei mezzi corazzati, a bordo di uno dei pianali ferroviari. Le indagini sono in corso per chiarire completamente la dinamica dell’incidente”. La Procura di Ravenna ha già disposto l’autopsia.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©

Correlati