Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Davanti ad una richiesta d'aiuto le istituzioni tacquero

Riapre il Kesté di Pozzuoli:la camorra lo costrinse a chiudere


Riapre il Kesté di Pozzuoli:la camorra lo costrinse a chiudere
20/09/2010, 21:09

Riparte il Keste' D'Inner di Pozzuoli dal 20 settembre inizia una nuova fase, una vera e propria nuova ''vita'', caratterizzata dal ritorno, alla sua direzione, di Fabrizio Caliendo, anima dello storico locale flegreo.
Arte, cultura e musica daranno il via alla nuova era, segnando la rinascita di un punto d'incontro sul territorio,
Il locale fu costretto a chiudere nel 2004. Oggi Caliendo ritorna. “Quando abbiamo lasciato Pozzuoli- spiega il giovane imprenditore- dissi che non sarebbe rimasta che l'impepata di cozze. E cosi' e' stato. Adesso, con rinnovata energia, cercheremo di ricostruire la rete di collaborazioni, che portarono arte e cultura a Pozzuoli, giocando sempre con l'intrattenimento gastronomico e il nostro bar".
Il punto focale della serata sara' la mostra Rewind, durante la quale saranno esposti i flyer, le foto, e le locandine che ripercorrono i tantissimi eventi targati Keste' e, quindi, le collaborazioni con Controluce, d77, l'Accademia delle Belle Arti di Napoli, il Napoli Teatro Festival Italia, il Napoli Film Festival.
Sei anni fa il locale fu attaccato dalla camorra: prima una richiesta di estorsione, poi la volontà esplicità di voler prelevare l'attività da parte della malavita organizzata messa in campo a soli venti anni da un giovane, Fabrizio Caliendo.
Si sentì solo ma denunciò lo stesso.


"Mancavano le istituzioni, in quel momento capimmo cosa fosse la collusione".
Questa è la frase che lascia senza fiato, rilasciata dallo stesso Caliendo in un'intervista su Rai Na. "Non ci fu sostegno, nè sicurezza, la nostra battaglia fu dura, e man mano che andava avanti ci rendemmo conto che era tutto perso. Chiedemmo aiuto alla giunta di Pozzuoli ma non ci ascoltarono neanche, bussavamo una porta sorda. Capimmo cosa era la collusione e dopo pochi mesi quella stessa amministrazione fu sciolta per infiltrazione mafiosa." Un'accusa risultata poi vana. A quel commento di Caliendo seguì la risposta di Amatao Lamberti, direttore dell'osservatorio sulla Camorra e l'Illegalita: "Se mandassero le commissioni antimafia scioglierebbero tutti i comuni campani".

OGGI
Si riparte. Alla ricerca di una normalità che qui forse manca ancora, e che spesso gli stessi cittadini sono ormai stanchi anche di implorare, adeguandosi ed appiattendosi sui modelli che circolano.
Il programma della prima serata proporra' la celebre ''kjs free session'', la consolle aperta per i dj del keste', un giro fra le varie anime musicali per festeggiare la nuova stagione.
Gia' confermata la presenza di Deeno, Uncino, Kronico, Mutillo, Oluong, 2phast, Woodstock e tanti altri in arrivo, tra cui vip amici del Keste', che, informalmente, contribuiranno alla festa.

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©