Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

"Differenziata crollata all'11%"

Rifiuti a Torre del Greco: Borriello attacca Malinconico


.

Rifiuti a Torre del Greco: Borriello attacca Malinconico
11/10/2012, 12:00

TORRE DEL GRECO - Le chiacchiere stanno a zero. E talvolta un vecchio detto può servire a spiegare nel modo migliore una storia di degrado. Quello della città di Torre del Greco, quarto comune della Campania, che vive l’insolita situazione di trovarsi invasa dai rifiuti in un periodo in cui di spazzatura in giro per Napoli e provincia non ce nemmeno l’ombra. Contraddittorio ingombrante, soprattutto se ti chiami Gennaro Malinconico e sei il sindaco del cambiamento. Il primo cittadino in carica dalla scorsa primavera si era presentato come l’uomo che avrebbe dato una svolta alla città dopo la gestione Borriello. Detto, fatto! Direbbero i fedelissimi dell’onorevole di stampo Pdl. La svolta c’è stata, ma per ora ha solo i lati negativi di una città che affoga tra i sacchetti della spazzatura, che non ha più buste da distribuire per la raccolta differenziata, che raccoglie i rifiuti con i bobcat e che sta perdendo fiducia giorno dopo giorno. Campanelli d’allarme pericolosi, che hanno fatto scattare sull’attenti proprio l’ex primo cittadino, che ai microfoni della Julie ha lanciato il suo affondo: “La realtà è una. Che quando c’era io le strade erano pulite, così come le isole ecologiche, e la raccolta differenziata andava bene. Si pagava di meno e si aveva di più. Oggi avviene il contrario. Adesso si paga di più, le strade sono sporche e Torre del Greco è uno schifo”. Poche battute, ma dirette al punto. D’altronde a parlare ci sono già i numeri, ed un livello di differenziata che è precipitato negli ultimi due mesi: “Con la mia gestione – prosegue Borriello - la differenziata in città era sopra il 50%. Oggi siamo all’11%. Serve aggiungere altro?”.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©