Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Abuso d’ufficio e falso, altri 45 avvisi di garanzia

Rifiuti Caserta, Cub: s’indaga sul noleggio dei mezzi

Nuovi sviluppi nella maxi-inchiesta della Procura

.

Rifiuti Caserta, Cub: s’indaga sul noleggio dei mezzi
21/02/2013, 09:57

CASERTA - Quarantacinque avvisi di garanzia sono stati emessi dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere a carico di dipendenti ed ex amministratori del Consorzio Unico di Bacino. I provvedimenti, che sono stati notificati dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Caserta, riguardano il noleggio a ditte esterne dei mezzi per la raccolta dei rifiuti solidi urbani. I reati contestati a vario titolo agli indagati sono l’abuso d’ufficio e il falso; per i vertici del consorzio gli inquirenti ipotizzano anche la falsa fatturazione. Per la cronaca, la nuova indagine rappresenta un filone della maxi-inchiesta sul Consorzio Unico che nei giorni scorsi ha portato all’emissione, da parte dei pm Silvio Marco Guarriello e Antonella Cantiello, di 201 avvisi di garanzia a carico tra gli altri dell’ex direttore generale Antonio Scialdone e degli ex responsabili Enrico Parente e Giuseppe Venditto per aumenti di livello e promozioni illegittime. Coinvolte, nella nuova indagine, anche quindici ditte private impiegate nel settore del noleggio a freddo e a caldo dei mezzi per la raccolta, cui, secondo l’accusa, sarebbero stati dati gli affidamenti senza che il servizio sia stato effettivamente svolto. La maggior parte dei fatti contestati riguarderebbero gli anni dal 2009 in poi, ovvero da quando il Cub è entrato in funzione; alcuni episodi sarebbero però avvenuti nel periodo precedente, in particolare durante il funzionamento del Consorzio di Bacino Acsa Caserta 3.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©