Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Blitz di carabinieri, Noe e Nas a Falciano del Massico

Rifiuti illegali, azienda bufalina finisce sotto sequestro

Denuncia e sanzione amministrativa per la titolare

.

Rifiuti illegali, azienda bufalina finisce sotto sequestro
07/03/2013, 11:42

FALCIANO DEL MASSICO – I carabinieri della stazione di Falciano del Massico, unitamente a quelli del nucleo antisofisticazione e del nucleo operativo ecologico di Caserta, a conclusione di uno specifico servizio finalizzato alla salvaguardia dell’ambiente ed alla tutela della salute pubblica, hanno denunciato, in stato di libertà, per gestione illecita di rifiuti in fase di deposito, stoccaggio e smaltimento P. F., di 36 anni del posto, proprietaria di un’azienda bufalina in località Palombara, via Case Sparse. Nella circostanza i militari hanno accertato che la stessa gestiva illecitamente, in fase di deposito, stoccaggio e smaltimento, rifiuti speciali non pericolosi derivanti dalla citata attività avendo anche realizzato uno scarico non autorizzato di acque reflue generando ristagno nella limitrofa strada interpoderale. In tale contesto, si è proceduto al sequestro amministrativo dell’intero allevamento bufalino, composto da 171 capi, poiché la sala mungitura si presentava in precarie condizioni igienico-sanitarie, inibendo all’azienda il conferimento del latte per la trasformazione fino alla risoluzione delle anomalie riscontrate. All’azienda è stata anche comminata una sanzione amministrativa di 1.000 euro per la mancata applicazione delle marche auricolari a 12 bufale. Tutto passa, ora, nelle mani della titolare che dovrà, necessariamente, risolvere i problemi riscontrati per poter riprendere il lavoro e restituire al territorio un’attività importante che, specie in un momento di crisi come quello attuale, non può permettersi di subire ulteriori danni economici.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©

Correlati