Provincia / Caserta

Commenta Stampa

A margine della firma di un’intesa con il ministro Orlando

Rifiuti, Romano: “L’Unione Europea deve darci fiducia”

Riflettori puntati su multa inflitta per mancato smaltimento

.

Rifiuti, Romano: “L’Unione Europea deve darci fiducia”
21/06/2013, 10:15

CASERTA - Sulla gestione del ciclo dei rifiuti “è sbagliato tenere una posizione pregiudiziale, ideologica”. Lo ha detto l’assessore all’Ambiente della Regione Campania, Giovanni Romano, a margine della presentazione del protocollo di intesa, sottoscritto in Prefettura a Caserta con il ministro Andrea Orlando, per il recupero di vecchi pneumatici che finiscono per alimentare i roghi tossici. Ma è soprattutto sulla questione termovalorizzatori che l’assessore Romano si è soffermato, ravvisando la necessità di “fare una verifica del dimensionamento degli impianti”. “Il ministro Orlando pone una questione intelligente. Ovvero, il calo dei consumi e l’aumento della differenziata - ha detto - sta causando una contrazione della quantità dei rifiuti. Noi dobbiamo solo sapere se è una situazione congiunturale o se si tratta di una tendenza consolidata. E quando ci saremo convinti di questo, - ha tenuto a puntualizzare - avremo la dimensione giusta da affrontare e quindi probabilmente in Campania basterà un solo altro impianto, destinato al ciclo ordinario, da affiancare a quello di Acerra. Ma questo lo sapremo solo dopo aver analizzato i dati, che già stiamo facendo in questi giorni”. Commentando poi la multa dell’Unione Europea all’Italia, per il mancato smaltimento dei rifiuti in Campania, Romano ha spiegato che si è giunti a metà del percorso. E se l’Unione Europea dovesse bloccare in questo momento la Regione Campania, verrebbe vanificato il percorso fatto finora. “Non sono innamorato del piano di rifiuti regionale che ho redatto. Bisogna rimodulare – conclude Romano - il volume di produzione dei rifiuti, ma non è una responsabilità che mi posso prendere solo io, ci vuole il consenso della Protezione civile”.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©