Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Ben 1.600 quintali di plastica in totale stato di abbandono

Rifiuti,maxi-sequestro delle Fiamme Gialle: 4 indagati -video

Perquisizioni anche nel Beneventano per traffico illecito

.

Rifiuti,maxi-sequestro delle Fiamme Gialle: 4 indagati -video
20/03/2014, 12:03

GRICIGNANO D’AVERSA - A seguito di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Caserta ha effettuato alcune perquisizioni in provincia di Benevento, nei confronti di due società riconducibili ad alcuni soggetti, già denunciati dalle Fiamme Gialle, per traffico illecito organizzato di rifiuti e gestione di rifiuti non autorizzata. Nel corso delle attività di perquisizione presso la sede operativa di una delle due imprese, motivate dal sospetto che gli indagati avessero continuato a perpetrare le attività illecite, pur non essendo in possesso delle previste autorizzazioni per il recupero e il riciclaggio di materiale plastico, i finanzieri hanno rinvenuto un notevole quantitativo di rifiuti (materiale plastico grezzo, lavorato e semilavorato) depositati all’interno di un deposito e sull’area circostante. Si è proceduto, pertanto, a cautelare preventivamente tutta la zona e sottoporre a sequestro ben 1.600 quintali di rifiuti plastici in stato di completo abbandono, oltre all’intera area di circa 10mila mq ed un capannone di circa 2mila mq. Le operazioni fanno seguito ad un precedente sequestro, eseguito dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria, di una vasta area di oltre 4mila mq nella zona industriale di Gricignano di Aversa, utilizzata come discarica abusiva, sulla quale erano stati rinvenuti centinaia di quintali di rifiuti speciali, anche pericolosi, provenienti da imprese del Nord Italia, con la denuncia di quattro soggetti originari del napoletano. L’attività si inquadra nella costante opera di tutela dell’ambiente da parte del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta che, soprattutto, nell’attuale momento storico, mira alla salvaguardia della salute del cittadino.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©

Correlati