Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Un doppio sfregio all’Angelo di Carditello,distrutto fienile

Rogo a San Tammaro, Bray in visita all’azienda Cestrone

Solidarietà del ministro ai familiari del compianto Tommaso

Rogo a San Tammaro, Bray in visita all’azienda Cestrone
20/02/2014, 17:45

SAN TAMMARO - Un rogo è scoppiato nottetempo a San Tammaro, a pochi passi dalla Reggia di Carditello, nell’azienda agricola di Tommaso Cestrone, ovvero il volontario morto per infarto la notte di Natale che si è preso cura, per quasi tre anni, del Real Sito tanto da meritarsi l’appellativo di “Angelo di Carditello”. Ma procediamo con ordine. Una prima richiesta di intervento è giunta alla sala operativa dei vigili del fuoco di Caserta, intorno alle 22.15 di ieri sera, ma poco dopo l’allarme è rientrato. Intorno alle 2 la seconda telefonata, fatta dalla moglie di Cestrone. Sul posto sono giunte tre squadre dei pompieri; le fiamme hanno distrutto un fienile. Poco dopo sono intervenute anche le pattuglie del commissariato di Polizia di Santa Maria Capua Vetere che conduce le indagini. Vicino al rogo non sono state trovate tracce di liquido infiammabile o altri inneschi ma non si esclude la pista dolosa. Cestrone, quando era in vita, quasi un anno fa (era il 18 febbraio 2013), subì l’incendio della sua roulotte. Appresa la notizia del rogo, il ministro per i Beni e le Attività Culturali, Massimo Bray, è arrivato di corsa a Carditello, per intrattenersi a casa Cestrone con i familiari di Tommaso. Lo aveva annunciato via twitter, poco dopo le 13.30: “Vado a #Carditello perché tutte le volte che viene messa in pericolo la legalità le istituzioni hanno il dovere di esserci”. Prima di ripartire alla volta della capitale, Bray, rispondendo alla domanda sul futuro della Reggia di Carditello, ha sottolineato che “il nuovo Governo non dimenticherà Carditello, ma continuerà il lavoro di rilancio che abbiamo fatto in questi dieci mesi. Auspico che a gestire la Reggia sia una fondazione formata da enti pubblici e associazioni private di cittadini”.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©