Provincia / Acerra

Commenta Stampa

Ronghi (Città Nuove):"Acerra serve vera svolta culturale"


Ronghi (Città Nuove):'Acerra serve vera svolta culturale'
24/08/2012, 14:14

“L’articolo della Corriere della Sera di oggi porta all’attenzione dell’opinione pubblica nazionale lo scandalo-Acerra che, da sede del polo pediatrico del Mezzogiorno, è divenuta luogo dell’inceneritore e degli abusi edilizi, rappresentando gli interessi forti che vengono fatti prevalere sulla salute e sul bene pubblico”. E’ quanto afferma Salvatore Ronghi, componente del direttivo nazionale di Città Nuove e responsabile regionale campano della fondazione facente capo a Renata Polverini. “Fin dal 1995 il Consiglio regionale della Campania individuò questa zona come luogo per la realizzazione del più importante polo pediatrico del Sud Italia per dotare il territorio di un centro di eccellenza e per frenare l’emorragia di piccoli pazienti verso le strutture sanitarie delle altre regioni” – ricorda l’ex vice presidente dell’assemblea legislativa campana, che aggiunge – “tale progetto sarebbe dovuto procedere di pari passo con la realizzazione della stazione per l’Alta Capacità Napoli-Bari destinata a collegare il Sud Italia agli altri grandi snodi ferroviari di Italia”. “Al posto di tutto ciò – prosegue Ronghi – , Acerra è divenuta sede dell’inceneritore di rifiuto tal quale, terra di dominio camorristico, di abusi edilizi e di indifferenza da parte delle istituzioni. Insomma, come ha ben evidenziato Rizzo, il simbolo di un Paese paralizzato dove gli interessi oscuri predominano, nel silenzio e nel disinteresse generale, sul bene pubblico. E’ altrettanto chiaro – conclude Ronghi - che c’è una certa politica che utilizza lo spettro della camorra per non cambiare nulla e questa è la cosa peggiore”.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©