Provincia / Caserta

Commenta Stampa

I fermati, originari di Qualiano, hanno precedenti specifici

Rubano gasolio da cisterne Telecom, 3 arresti della Polizia

Sorpresi in flagranza e processati con rito direttissimo

.

Rubano gasolio da cisterne Telecom, 3 arresti della Polizia
11/09/2013, 11:22

SAN NICOLA LA STRADA – Sorpresi in flagranza di reato, con l’accusa di furto pluriaggravato in concorso, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Caserta, diretti dal vice questore aggiunto Adele Monaco, hanno stretto le manette ai polsi di Bartolomeo Granata, 34enne, di Francesco Sequino, 39enne e Antonio Sequino, 34enne, tutti residenti a Qualiano, con precedenti specifici di polizia. Entrando più nei dettagli, i tre arrestati, dopo averne forzato il cancello d’ingresso in ferro, con arnesi atti allo scasso, si erano introdotti a bordo di un autoveicolo Piaggio “Porter” all’interno dell’area Telecom di San Nicola la Strada, ubicata in Viale Europa, e mediante un ingegnoso sistema costituito da tubi in plastica, una pompa da aspirazione elettrica, collegata alla batteria del veicolo, e due cisterne, rispettivamente di 1000 litri e 500 litri, asportavano circa 900 litri di gasolio dalle cisterne interrate della compagnia di telecomunicazioni. L’intervento tempestivo di una volante, inviata dalla Centrale Operativa a seguito di una segnalazione giunta al 113, permetteva di sorprendere i tre mentre erano intenti a travasare il carburante nei contenitori caricati sul mezzo. Peraltro, i tre pregiudicati venivano letteralmente sorpresi dagli agenti che, con intuito, si erano avvicinati all’obiettivo spegnendo i lampeggianti ed i fari, e mettendo a folle il motore, per evitare di essere sentiti o visti. Una volta accerchiati dagli agenti, ai tre non restava che arrendersi. I pregiudicati, sottoposti a processo con rito direttissimo, sono stati condannati ad otto mesi e venti giorni di reclusione, con pena sospesa per tutti gli imputati, mentre il gasolio è stato restituito alla Telecom.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©