Provincia / Salerno

Commenta Stampa

Anche Andrea Cozzolino ha partecipato al dibattito

Salerno, Convegno a favore delle fasce deboli


Salerno, Convegno a favore delle fasce deboli
10/03/2012, 12:03

SALERNO – Si è tenuto ieri verso le ore 17:00 presso la sala Giunta della Provincia di Salerno il convegno “L’Europa dei cittadini. Quali azioni per le fasce più deboli?” in cui hanno preso parte Gennaro Fiume, in veste di moderatore, Carmen Guarino, impegnata nel dirigere un consorzio di cooperative sociali e presidente di Rete Solidale, Mimmo De Simone, responsabile Movi nazionale (movimento di volontariato italiano) e Andrea Cozzolino, deputato europeo del partito democratico.
Mimmo De Simone ha iniziato il dibattito dichiarando che il movimento di volontariato italiano non si occupa solo di disabili ma anche delle politiche sociali, in cui c’è la crisi. “È una crisi antropologica, non di breve respiro” – dichiara De Siomone. “La crisi non riguarda solo la politica, ma anche il concetto di dignità. I giovani devono scommettere sul passato attraverso la tecnologia e i social network” – afferma infine il responsabile del movimento.
De Simone ha poi passato la parola ha Carmen Guarino che ha ribadito che  dovrebbe essere proclamato lo stato di emergenza sociale. “Paradossalmente, la crisi potrebbe essere un’occasione per il sociale” – dichiara la Guarino che ha fatto notare come le iniziative a favore dei disabili siano in numero ridotto. “Il volontariato così come le cooperative non devono essere le uniche a correre in difesa delle fasce deboli” – aggiunge in proposito. Dopo l’intervento del Presidente di Rete Solidale, l’europarlamentare Andrea Cozzolino ribadisce per l’ennesima volta che siamo nel pieno della crisi a causa della quale è aumentata la povertà così come il tasso di disoccupazione. “Il tema non è la qualità del paese. Il vero problema è che questa politica non regge in quanto fondata sui tagli dei bilanci. Il tema è che con le risorse attuali non si va da nessuna parte. Bisogna costruire na politica europea che si faccia carico del debito pubblico dei 27 paesi” – afferma l’europarlamentare. Cozzolino, trovandosi d’accordo con le parole di De Simone, ribadisce che bisogna dare delle garanzie alla parte giovane di quest’Europa che tende ad invecchiare precocemente.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©