Provincia / Salerno

Commenta Stampa

Notevole calo di abbonamenti

Salerno, cstp: la regione attacca il sindaco De Luca


Salerno, cstp: la regione attacca il sindaco De Luca
04/04/2012, 18:04

SALERNO – La Provincia ed il Comune di Salerno garantiranno fino alla fine del 2012 le proprie quote per il servizio di trasporto pubblico. A dare certezza sull’effettivo pagamento del contratto di servizio sono i rispettivi assessori ai Trasporti, Romano Ciccone e Luca Cascone. Questo, significherà - per il Cstp - avere fino alla fine dell’anno circa 25 milioni di euro necessari ad effettuare il servizio.
Ci sono, però, alcune precise condizioni. Proprio ieri mattina, infatti,  da Palazzo di Città è arrivata una nota in azienda nella quale il Comune ha confermato e reso già operativo l’aumento del corrispettivo per chilometro: fino alla fine dell’anno invece che 2 euro e 60 centesimi, il Comune pagherà 3 euro e 20 centesimi, sia per i servizi minimi che aggiuntivi. Questo aumento di tariffa, però, oltre ad avere una durata specifica, ovvero fino all’insediamento del commissario liquidatore del Cstp,  comporterà una parziale riduzione, di circa il 20% del servizio cittadino.
“Il Comune - ha spiegato l’assessore Luca Cascone -  ha sottolineato che sarà garantito il pagamento dei 5,5 milioni di euro per il servizio. Inoltre siamo disponibili a immettere nelle casse dell’azienda almeno altri 200mila euro a copertura parziale dell’aumento del corrispettivo”.
Questo, sarà uno dei punti fondamentali su cui verterà il prossimo confronto tra il Cstp ed il Comune, durante il quale si dovrà delineare un nuovo programma di esercizio "straordinario" alla luce della rimodulazione delle corse e dei diversi flussi di entrate. Se, infatti, Palazzo di città avesse voluto coprire l’intero monte chilometri (pari a due milioni) avrebbe dovuto sborsare circa 1,2 milioni di euro. “Se il Comune ha questa disponibilità finanziaria - ha commentato Romano Ciccone, assessore provinciale ai Trasporti - perché non ha ricapitalizzato? E’ la solita demagogia”. Le certezze sul pagamento del servizio non arrivano solo dal Comune, bensì anche dalla Provincia, da cui giungono rassicurazioni: per tutto il 2012 il pagamento dei venti milioni di euro che Palazzo Sant’Agostino deve al Cstp sarà assicurato.

“Su questo non c’è alcun dubbio - ha detto Ciccone - i fondi saranno sicuramente versati fino alla fine dell’anno per assicurare la regolarità del servizio”. Differente, invece, la posizione di Ciccone in merito all’adeguamento dei corrispettivi: “la coperta finanziaria della Regione - ha spiegato - resta sempre quella. Non vedo il senso di aumentare le tariffe per chilometro e poi tagliare corse”. Dal segretario provinciale del Pd, Nicola Landolfi, è giunto un invito agli enti, Regione in primis, ad un atto di responsabilità: “Invece di rappresentare le istituzioni affondano il trasporto pubblico locale in provincia e danno la responsabilità agli altri. Cosa avremmo dovuto dire quando abbiamo rilevato l’Atacs, il più grande "carrozzone" che si ricordi?” – ha dichiarato infine Landolfi.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©